Donna moderna
Affittare casa per brevi periodi

Affitti brevi: il restyling stanza per stanza

Hai acquistato un appartamento e vuoi metterlo a reddito senza ‘impegnarti’ con un affitto di anni? Hai ereditato un immobile e vorresti trasformarlo in un bed&breakfast? Sei spesso in viaggio e ti piacerebbe affittare casa quando non ci sei? Segui i consigli di tre professioniste.

Metti alla prova la tua creatività e le tue capacità imprenditoriali, per offrire ai tuoi futuri ospiti un’esperienza da ricordare. Qui trovi i consigli di tre esperte del settore, che ti danno i loro consigli su come aggiungere agli ambienti quei tocchi che li renderanno davvero accoglienti e unici. Ecco come intervenire stanza per stanza.

 

CAMERA DA LETTO

Ho un letto matrimoniale, come devo comportarmi se gli ospiti non sono una coppia? Ok per il letto matrimoniale, ma attrezzalo con materassi singoli. Amici e colleghi che viaggiano insieme di solito non si formalizzano, purché materassi, lenzuola e piumini siano separati.

È necessario che ci sia un armadio? No, soprattutto se la camera è piccola. Gli ospiti di solito si fermano poche notti e viaggiano con un trolley, che spesso non disfano neanche. Puoi attrezzare la stanza con una cassettiera dove riporre la biancheria e sulla quale appoggiare il bagaglio. Ti basterà poi aggiungere una barra con grucce sulle quali appendere i capi da non sgualcire e il guardaroba è fatto!

Il tocco di stile

Anche la stanza da letto più anonima cambia faccia con una testata del letto protagonista. È di grande effetto una campitura di colore, ma per renderla più originale puoi rifinirla lungo i bordi con i washi tape. Altra soluzione minimale ma superdécor: 2-3 maxi cuscini d’arredo su cui appoggiare i guanciali con semplici federe bianche. Vai per mercatini? Anche una testata vintage sarà perfetta.

 

GLI INDISPENSABILI

Lampade da notte e comodini fanno sentire i tuoi ospiti ancora più a casa.

Ricorda che per gli italiani persiane, tapparelle e tende sono un must, per creare la giusta oscurità ed evitare risvegli all’alba; mentre gli stranieri non ci badano troppo, anzi spesso non sono affatto abituati a usarle.

 

CUCINA

Devo prevedere forno e lavastoviglie? Il forno è senza dubbio superfluo. È improbabile che, per pochi giorni, gli ospiti si cimentino in torte o arrosti. La lavastoviglie è un plus che al contrario apprezzeranno di certo, ma nemmeno questa è fondamentale.

Come organizzo i mobili? Pensili o mensole? Per la base ti bastano 4 moduli: frigo (anche basso), lavello a una o due vasche e sottolavello, piano cottura (meglio se a induzione, gli stranieri lo preferiscono a quello a gas per questioni di sicurezza) e un contenitore ad ante o a cassetti. Preferibili le mensole ai pensili: potrai lasciare tutto a portata di mano e, alternando oggetti utili a vasi e oggetti décor, darai una nota di atmosfera in più all’ambiente.

Il tocco di stile

Con lo ‘sfondo’ giusto, la cucina avrà tutto un altro sapore. Scegli una tappezzeria vinilica: ce ne sono di bellissime e sono anche facili da pulire. Oppure opta per le piastrelle adesive, decorate ‘a cementina’ o in alternativa grafiche ed essenziali.

 

GLI INDISPENSABILI

Sul piano cucina disponi lo spremiagrumi, la macchina del caffè, il toaster, il bollitore elettrico e il microonde.

Per il set da tavola, sì alle tovagliette americane lavabili. E naturalmente presine e strofinaccio asciugapiatti.

 

BAGNO

Meglio la vasca o la doccia? La doccia, senza dubbio: è più pratica e veloce e gli ospiti si sentiranno più a loro agio, con un effetto di maggiore comfort e igiene. In bagno c’è già una vasca? Trasformala in doccia, aggiungendo semplicemente una tenda e l’asta. Hai la possibilità di fare una ristrutturazione? Opta per una cabina doccia ampia e confortevole, anche rinunciando al bidet, che per gli stranieri non è necessario.

Le piastrelle sono rovinate, come faccio a rinnovarle senza spendere troppo? Puoi dipingerle, usando vernici apposite. In alternativa, divertiti a creare piccole composizioni a parete, oppure a rivestirle completamente, usando le piastrelle adesive.

Il tocco di stile

Una tenda da doccia originale assicura un effetto... wow! A seconda dello stile della casa e del bagno, scegli tra disegni grafici, fantasie jungle, pattern e colori naturali o tinte fluo. E a terra aggiungi un morbido tappeto.

 

GLI INDISPENSABILI

Il tappetino da mettere davanti alla doccia e un piano d’appoggio dove mettere gli effetti personali.

Per il sapone, perfetto un dispenser da ricaricare ogni volta che saranno in arrivo i tuoi nuovi ospiti.

 

SOGGIORNO

Per aumentare i posti letto posso proporre agli ospiti di dormire in soggiorno? Assolutamente sì. Scegli un divano letto a due posti, che abbia la possibilità di essere chiuso senza disfare le lenzuola e abbia un vano per riporre i guanciali. Prevedi anche un tavolino che possa servire da comodino e, in corridoio o in soggiorno, una cassettiera anche piccola dove gli ospiti potranno sistemare abiti e biancheria.

Il tocco di stile

Un tappeto dalle dimensioni generose, a trama grossa, soffice e confortevole veste lo spazio e crea subito un’atmosfera accogliente. E per trasformare anche il divano più banale in un arredo curato e piacevole, qualche cuscino scelto ad hoc può fare moltissimo.

 

GLI INDISPENSABILI

In ogni da presa, metti un adattatore UE Schuko (per i tuoi ospiti stranieri).

Brochure, guide e libri a tema sulla località e sui dintorni: un segno di accoglienza che fa piacere.

La TV non è strettamente necessaria, ma di solito viene molto apprezzata.

 

 

Le autrici di questo articolo:

Giuliana Barilli e Chiara Odorizzi di Share’n Wow sono specializzate in ristrutturazioni e restyling di spazi per affitti brevi. Una mini squadra di architetti veloci, concreti e creativi in grado di offrire pacchetti modulari di intervento, personalizzabili secondo le tue esigenze. Per info: info@sharenwow.com

Antonella Brugnola, superhost di Airbnb, è autrice del libro 'Fare business con l’home sharing' [Hoepli 19,46 su » amazon.it]. È rivolto sia a chi sta per cominciare e non vuole sbagliare, sia a chi è già partito e vuole migliorare la sua proposta turistica.

 

Testi

Giuliana Barilli / Chiara Odorizzi / Antonella Brugnola

Foto

Boom Image Studio

Ti potrebbe interessare