Donna moderna
Consigli e soluzioni

Le siepi da potare alla fine dell’estate

Il periodo migliore per potare le siepi è a fine inverno, ma molte sono arruffate già a metà estate e necessitano di una risistemata, prima che l’attività vegetativa riprenda.

Carpinus betulus

Bella siepe formale. Caduca, fa comunque schermo perché mantiene le foglie secche durante l’inverno.

Viburnum tinus

Siepe fiorita sempreverde: dare una semplice sforbiciata di contenimento per non compromettere la fioritura dei mesi successivi.

Taxus baccata

Sempreverde dalla crescita molto lenta: un’unica potatura a fine estate è meglio che a inizio primavera.

Trachelospermum jasminoides

Anche il falso gelsomino gode di un taglio di assestamento estivo: crescerà più denso e sarà più facile contenerlo la prossima primavera.

Pyracantha coccinea

Vigorosa e disordinata, produce belle bacche colorate, ma anche getti scomposti: necessita di decisi tagli di formazione.

Prunus laurocerasus

È una delle siepi più diffuse in Italia: necessita di sue regolate l’anno. Se è già adulta e sviluppata, accorcia i suoi rami di 20 cm.

 

Anche le siepi basse di aromatiche come Lavandula angustifolia, Rosmarinus officinali e Thymus vulgaris possono beneficiare di un taglio di ricomposizione di fine estate: l’anno venturo le ritroverai più folte e compatte.

Guarda anche
Consigli e soluzioni

Da dove iniziare se sei un pollice nero

Guarda anche
Consigli e soluzioni

Gelsomino: distingui quello vero da quello falso

Testi

Davide Cerruto (Lefty Gardens)

Foto

pixabay.com

Ti potrebbe interessare