Donna moderna
Elettrodomestici

Vapore: un alleato per stirare, cuocere, pulire e lavare i panni

Utile per stirare, cuocere, pulire e lavare i panni, ti fa risparmiare tempo ed energia (e quindi soldi), per uno stile di vita più ecofriendly!

STIRARE

  • Un getto costante e di elevata potenza di vapore che penetra nelle fibre, per stirare perfettamente, in un solo passaggio, anche i capi più delicati. Il vapore non è né troppo secco, né troppo umido: non lascia i tessuti inariditi né bagnati e tu non devi esercitare troppa pressione sul ferro, così non rovini il tessuto.
  • Puoi scegliere tra un ferro con erogazione del vapore automatica appena avvicini la piastra al capo, o manuale, tramite l’apposito pulsante.
  • Controlla tra i dati tecnici del ferro quello dell’erogazione continua, cioè la quantità di vapore emesso in continuità: un modello valido ne emette almeno 30 grammi al minuto.
  • I ferri con l’opzione ‘vapore in verticale’ stirano a distanza senza contatto (utilissimi per le tende appese); quelli con ‘getto di vapore’ – almeno 200 gr/min – distendono le pieghe più resistenti e ostinate.

PULIRE

  • Con il vapore puoi igienizzare pavimenti e tessuti: un getto ad altissime temperature (135-150 °C) scioglie lo sporco e sgrassa abbattendo muffe, funghi, acari della polvere.
  • È una soluzione ecofriendly perché non usi detergenti e saponi ma soltanto acqua, così risparmi e non inquini.
  • Il vapore è prodotto da una caldaia che in pochi minuti riscalda l’acqua nel serbatoio.
  • Esistono anche modelli compatti, che porti a tracolla: sono comodi quando devi trattare superfici di dimensioni ridotte, come i vetri, o per la pulizia degli interni dell’auto.
  • Tutti sono dotati di accessori per pulire le diverse superfici o di altri per un uso specifico: quello con setole dure per pulire al meglio le fughe delle piastrelle o il tubo flessibile per arrivare nelle aree più difficili.

CUOCERE

  • La cottura a vapore permette agli alimenti di conservano le loro proprietà organolettiche, poiché cuociono a meno di 100 °C e così assorbono l’umidità e gli aromi del liquido in ebollizione, senza però cedere i propri e al tempo stesso liberandosi degli eventuali grassi, che si sciolgono durante la cottura.
  • Grazie alle temperature di utilizzo medio-basse, puoi risparmiare fino al 20% di energia rispetto alla cottura classica e dimezzi o riduci drasticamente i tempi di preparazione (pollo da 60 a 20 min, riso da 20 a 12 min).
  • Puoi scegliere tra pentole a pressione, vaporiere elettriche e forni da incasso – o microonde – dotati di specifica funzione vapore.

LAVARE I PANNI

  • Efficaci già a 30°, i programmi che funzionano a vapore di lavatrici e lavasciuga ti fanno avere un bucato ‘igienizzato’ perché eliminano nel modo più naturale polline, polvere, fumo, peli e i residui di detersivo che possono irritare la pelle.
    E poiché non servono alte temperature, puoi risparmiare fino al 20% di energia.
  • Il trattamento a vapore, che non solo lavora a temperature basse ma anche utilizzando programmi brevi, risulta molto più delicato sugli indumenti, che tendono a usurarsi meno e a conservare nel tempo i loro colori brillanti e accesi.
  • L’apparecchio stesso risulta sterilizzato dal lavaggio, perché la forza igienizzante del vapore agisce anche sul cestello, prevenendo così la proliferazione di batteri e allergeni, e dei cattivi odori.
  • Il vapore acqueo distende i tessuti e al termine del programma lascia i capi assai meno spiegazzati: per molti, potrai anche evitare la stiratura.
Guarda anche
Piccoli elettrodomestici

Le pulizie di primavera: usa il vapore

Ti potrebbe interessare