Donna moderna
Idee e tendenze

Quello che devi sapere sulle ‘Tiny House’

Mentre in America le casette, con o senza ruote, sono una realtà, da noi la burocrazia non rende le cose facili. Tra divieti e permessi, ecco la nostra guida per chi cerca uno stile di vita (o di vacanza) più libero!

Ci sono quelle mobili e quelle fisse. Quelle autonome al 100% e quelle che invece hanno bisogno di essere collegate a scarichi fognari e rete elettrica. La caratteristica comune è di essere piccolissime (anche meno di 10 metri quadrati) ma di contenere il necessario per garantire una vita comoda a chi le abita.

Sono le ‘tiny house’ (si legge ‘tàini’), mini case molto amate negli Stati Uniti, che si stanno diffondendo anche in Italia. C’è chi le sceglie perché vuole vivere viaggiando (e con lo smart working questo sogno si può realizzare più facilmente); chi le acquista come casa per le vacanze e chi le posiziona in giardino per accogliere gli ospiti o i gli diventati grandi.

Ne vorresti una anche tu? Ecco cosa devi sapere.

SE VUOI FARLA VIAGGIARE

  • La legge equipara a camper e caravan le tiny house da agganciare al rimorchio e portare in viaggio. Richiede che abbiano targa, bollo e assicurazione e che siano spostate con veicoli omologati per il traino fino a 3.500 kg  (quindi grandi fuoristrada) guidati da conducenti con patente BE.
  • Dato che non possono superare i 3.500 kg di peso, le mini case mobili hanno una metratura ridotta: sotto i 30 mq quelle di legno, mentre quelle realizzate con materiali più leggeri, dal laminato al pvc, riescono ad arrivare anche a 40 mq. In quel piccolo spazio c’è comunque tutto: cucina, letti, bagno (chimico o tradizionale, e in questo caso serve una fognatura a cui allacciarsi).
  • Grazie a pannelli fotovoltaici, piccoli gruppi elettrogeni o impianti a gpl, no a un certo livello di consumo energetico le tiny house sono completamente autonome. Ma se, oltre a luci e forno, per esempio, vuoi far funzionare la lavastoviglie o lo scaldasalviette, occorre l’allacciamento a una rete elettrica.

DOVE LA PUOI PARCHEGGIARE

  • Le tiny house mobili possono sostare ed essere parcheggiate negli spazi destinati a camper e caravan, anche in aziende agrituristiche o agricole che affittano il loro terreno ai viaggiatori con casetta. Qualunque sia il luogo scelto per campeggiare, ci si può fermare al massimo 90 giorni.
  • E la sosta libera in mezzo alla natura, che è il sogno di molti? Occorre prima informarsi se in quella zona ci sia o meno il divieto. Attenzione: se non c’è il divieto di sosta, ma c’è quello di campeggiare, significa che lì è possibile fermarsi, ma non mangiare dentro la casa, né tantomeno dormire.

SE VUOI SCEGLIERE UN POSTO E NON SPOSTARLA PIÙ

Pensi di utilizzare la tiny house non per i viaggi, ma collocata sempre nello stesso posto? Le cose si complicano un po’.

  • Nel momento in cui è ancorata a terra con sistemi stabili (anche se ha le ruote), considerata una nuova costruzione. Quindi per poterla posizionare occorre innanzitutto che il terreno sia edificabile, poi serve il permesso di costruire. Per ottenerlo, la casa deve essere di almeno 28 mq se è destinata a una sola persona, e di 38 mq se è per due persone.
  • Quando la tiny house ha le ruote e non è ancorata in maniera stabile, cioè è solo appoggiata a terra, le cose cambiano da Comune a Comune. Alcuni richiedono ugualmente il permesso di costruire per tenerla ferma più di 90 giorni. Altri consentono di collocarla liberamente sul terreno (sempre se edificabile), purché ci sia già una costruzione, altrimenti occorre l’autorizzazione. Nel caso non serva il permesso, non è prevista una metratura minima.

SE IL TERRENO È AGRICOLO

  • Il punto che hai individuato è in campagna in un terreno non edificabile? Puoi posizionare la mini casa senza autorizzazioni solo se sei agricoltore e lavori quella terra e solo se è già presente un fabbricato (anche un rudere va bene).
  • Se non sei agricoltore, puoi tenerla solo temporaneamente, per soste di 90 giorni al massimo, poi sei costretto a spostarla. E occorre che la tiny house sia autonoma e non debba essere allacciata a reti esterne (farlo è vietato).

QUANTO COSTA?

Dipende dalla metratura e dalla tipologia dei materiali con cui è fatta.

  • Per una mini casa mobile di legno di medie dimensioni (circa 25 mq), finita e arredata, senza particolari optional, si spende intorno ai 50.000 euro.
  • Se la casetta è in pcv e altri materiali i prezzi si riducono della metà.
  • Il costo è inferiore anche se la tiny house è fissa. In questo caso, però, devi mettere in conto le spese per la richiesta del permesso di costruire e per la presentazione del progetto.
Guarda anche
Idee e soluzioni

Mini casa in una roulotte

Guarda anche
Leggi e certificazioni

Case su ruote: vivere in una roulotte in Italia

Testi

Carolina Borgonovi