Donna moderna
News

Operae: il Festival del Design indipendente a Torino

Dal 6 all'8 novembre, appuntamento con il design indipendente. Nella bella cornice di Palazzo Cavour, 30 designer internazionali reinventano il presente

A Torino, dal 6 all'8 novembre, torna l’appuntamento con Operæ (operae.biz), il primo festival in Italia dedicato al design indipendente. Curato da Angela Rui, si svolgerà nella splendida cornice di Palazzo Cavour, nel centro storico della città (via Cavour 8) e sarà aperto al pubblico a partire dalle 15 di venerdì 6 novembre.

“QUI/ORA. Sotto effetto presente” è il tema individuato per esprimere la condizione di un design e di un designer che reinventa il presente e il proprio rapporto con il mondo che lo circonda. Questi i trenta espositori presenti, provenienti dall'Italia e da tutto il mondo: Davide G. Aquini, Federico Peri, Gumdesign, ZPSTUDIO, Lanificio Leo, Maddalena Selvini, Portego, Camp design gallery, Josefina Munoz, Laura Cuoto Rosado, Laura Daza, Marco Guazzini, Ingrid Hulskamp, Nina Van Bart, Daan Spanjers, Aliki van Der Krujis, Noman, Lupo & Burtscher, Floor Njdeken, Studio Passalacqua, Teresa van Dongen, Tijmen Smeulders, Plusdesign gallery, Omer Polak, Gio Minelli, Oliver van Herpt + Sander Wassink, Luuk van den Broek, Peralia, Jenia design.

Ma Operae è anche artigianato, e in questo contesto si colloca “QUI/ORA – IO/NOI. Piemonte Handmade”, la mostra che rientra intende valorizzare l’artigianato piemontese e raccoglie i progetti nati dalla collaborazione tra dodici artigiani piemontesi e dodici designer italiani. Tra le aziende artigiane selezionate tramite bando ci sono la storica azienda di passamaneria Antica Fabbrica Passamanerie Massia 1843, ECAT (una delle ultime botteghe dedicate alla realizzazione di campane), l’atelier tipografico torinese Alberto Tallone editore. Tra i designer, Atelier Biagetti, Paolo Ulian, JoeVelluto, Zanellato/Bortotto. A loro è stato affidato il compito di essere testimonianza diretta di come è possibile trasformare un momento, vissuto in maniera empatica nel breve spazio di una collaborazione, in un oggetto.

L’esplorazione del tema si arricchisce inoltre della presenza di rappresentanti del mondo del design chiamati a raccontare la loro esperienza. Tra loro lo studio Formafantasma che parteciperà all’incontro di apertura venerdi 6 novembre per raccontare come un designer dialoghi continuamente con tradizione e sperimentazione.

Nel programma di Operæ 2015 c'è infine un calendario di workshop per adulti e bambini dedicati ad avvicinare il grande pubblico ai temi della progettazione e della fabbricazione digitale e un progetto speciale che indaga la relazione tra design e architettura. Sotto il titolo di Operæ.cc sta la progettazione e la realizzazione di una micro-architettura, che verrà esposta all’interno di Palazzo Cavour.

Ti potrebbe interessare