Donna moderna
News

Mascherine lavabili made in Italy: scopri colori e fantasie!

Simona Ortolan

Simona Ortolan  •  Il pampano

Blogger CF Style

Molte aziende italiane producono mascherine riutilizzabili e lavabili che ci permettono di uscire di casa in sicurezza senza rinunciare allo stile: scopri quali sono e dove acquistarle

Le mascherine saranno fondamentali nel momento in cui, con gradualità e prudenza, torneremo alla vita di tutti i giorni. Alcune aziende hanno deciso, vista l'emergenza sanitaria, di convertire la loro produzione per realizzarle.

Tra queste Mirabello Carrara, storica azienda del settore home fashion, che ha deciso di mettere la propria solida esperienza nel settore tessile al servizio della produzione di mascherine a tre strati, lavabili e riutilizzabili. Dalle fantasie sia maschili che femminili, queste mascherine sono realizzate in finissimo tessuto di puro cotone sottoposto a trattamento idrofobico e antimicrobico, e con uno strato interno filtrante in polipropilene.ne la sicurezza. Possono essere tranquillamente riutilizzate previo lavaggio perché sono in grado di mantenere inalterate le proprietà fino a 30 lavaggi a 40 gradi, in lavatrice o a mano. Le mascherine saranno disponibili online da fine maggio e compatibilmente con la riapertura, nei negozi monomarca e multimarca.

L’azienda altoatesina, DaunenStep, con una lunga tradizione di piumini e guanciali, ha ritenuto doveroso riconvertire parte della propria produzione per la realizzazione di mascherine protettive in cotone, certificate Oekotex 100 e sterilizzabili a 95°. Saranno acquistabili online e sul sito, è possibile acquistare anche i modelli DaunenMask Junior, su misura per i più piccoli!

Il gruppo Miroglio di Alba, leader da 70 anni nell’abbigliamento e produzione tessile, ha scelto di riconvertire la sua produzione industriale, realizzando mascherine chirurgiche in cotone idrorepellente ed elastan, lavabili e riutilizzabili una decina di volte.

Fazzini, brand italiano di eccellenza nella produzione di biancheria per la casa, dopo aver ricevuto l’autorizzazione da parte del ISS (Istituto Superiore di Sanità), si aggiunge alla lista dei grandi nomi della moda e del tessile in prima linea nella lotta contro la diffusione del virus.

L’azienda ha riconvertito parte della sua produzione in due tipologie di mascherine: chirurgiche Conchiglia Type IIR (ad uso medico) e Conchiglia Plus, filtranti in uso alla collettività caratterizzate da uno strato esterno in puro lino tinta unita, in 3 diversi colori (Blu quetzal, Rosso rubino e Senape). Le mascherine sono in vendita sull’e-commerce www.fazzinihome.com, in tutti gli Store Fazzini e presso i rivenditori di tutta Italia, inoltre una parte della produzione delle mascherine Conchiglia Plus sarà devoluta alla Croce Rossa sezione di Gallarate.

Bosch ha avviato linee di produzione di mascherine protettive completamente automatizzate, arrivando a realizzarne oltre mezzo milione al giorno. L'azienda ha sviluppato un sistema specifico per la produzione di mascherine protettive per il viso, cinque linee di produzione completamente automatizzate in quattro diverse sedi Bosch nel mondo e ha deciso di fornire gratuitamente alle aziende i piani di progettazione della speciale linea di produzione.

Apulia stretch, azienda della provincia di Bari che produce tessuti per materassi, ha sviluppato un prototipo di tessuto idrorepellente all’esterno e idrofobico all’interno, che verrà distribuito alle sartorie per ricavarne mascherine.Anche Natuzzi, marchio di eccellenza del design made in Italy, ha avviato la produzione di mascherine chirurgiche nello stabilimento di Ginosa. Si tratta di dispositivi medici quindi, un prodotto valido anche per il personale medico-sanitario.

La Piave Maitex, specializzata in tessuto elastico per costumi, intimo e abbigliamento sportivo si è riconvertita già alla fine di Febbraio e da marzo ne produce di tre misure (per piccoli, adolescenti e adulti), bianche e nere. Il tessuto si può anche colorare in modo che i bambini possano personalizzarle e viverle come un gioco. La trama è molto fitta, con un trattamento idrorepellente per cui è traspirante e lavabile fino a 40 volte a 60 gradi.

Cinelli Piume e Piumini, grazie al proprio know-how, ha realizzato la linea di mascherine protettive Cinelli Health, riutilizzabili, lavabili e asciugabili a 60°. Le mascherine facciali con due elastici laterali sono composte da 3 strati Anti-Droplet, non sono ad uso sanitario ma sono sanificate con Ozono e prodotte a norma di legge. Vengono vendute in confezioni da 20 mascherine.

La realtà produttiva di Terenzi Srl si è riconvertita tempestivamente per aiutare il paese e gli operatori sanitari, producendo mascherine facilmente igienizzabili e quindi riutilizzabili con filtri sostituibili. Safe Breath è venduta in kit che comprende 1 mascherina riutilizzabile e 20 filtri di ricarica monouso.

Molti designer si sono messi all'opera come Alessandro Zambelli che ha progettato 'Ioni' una mascherina ad uso personale pensata in materiale EVA (Etilene Vinil Acetato) con additivo antibatterico.

 

Ora che siamo pronti per la fase 2, possiamo anche pensare ad un’alternativa più 'stilosa' della classica versione medicale bianca o verde ospedaliera. Oltre ai modelli di Mirabello Carrara, online puoi trovare tantissime proposte colorate e divertenti!

 

In questo periodo di crisi Agile, azienda specializzata in stampa digitale nel settore moda e dell’interior design, fonda MASK-IN, marchio che produce mascherine personalizzate. Possono essere colorate con le loro grafiche o con quelle inviate dal cliente.

Sullo shop online Gea Waste-free shop trovare bellissime mascherine porta-filtro (un filtro in TNT è incluso in ogni mascherina) realizzate in tessuto doppio strato. Sono disponibili in tre misure (la S è adatta ai bambini) e le fantasie sono a tiratura limitata perché le stoffe, di alta qualità, provengono da rimanenze di magazzino di sartorie selezionate.

La blogger CF Style @alisadesignshabbychic, ne cuce di coloratissime che si possono acquistare su Etsy. Anche il marchio chic di intimo femminile @individuals_lingerie, ha deciso di produrle e si acquistano sul sito. L’Atelier MILOU Milano è al lavoro per realizzare mascherine sartoriali con i tessuti fashion o classici, nel loro inconfondibile stile. Sempre su Etsy potete trovare i modelli di MorningLightApparel.

Volete una mascherina davvero unica? Claudia Senoner nel suo shop online Erse, vende meravigliose mascherine ripiene di segatura di cirmolo. Sono in 100% cotone, lavabili a 60 gradi e igenizzabili con il ferro da stiro. Sono disponibili nella taglia da adulto, ma realizza su richiesta mascherine per bambini, anche baby. Basta contattarla tramite i direct di Instagram (@claudiasenoner).

Niente più mascherine tristi e seriose per i più piccoli. Ecco un’intera collezione di mascherine colorate e confortevoli, disegnate dall’illustratrice svedese Maja Faber e in vendita sull'ecommerce ginnibo.com. 6 modelli dai colori e dalle stampe irresistibili: barchette, gelati, fiori, coccodrilli, foglioline e grafiche geometriche, lavabili in lavatrice fino a 10 lavaggi a 60° e riutilizzabili.

Anche Carillo Home, azienda leader nei tessili e biancheria per la casa ha messo in produzione mascherine per adulti che per bambini. Dalle mascherine dispositivo medico monouso bianche, fino alle mascherine filtranti per uso comune lavabili e colorate, tinta unita oppure in fantasia. Quest'ultime si compongono di un primo strato esterno in 100% cotone e un doppio strato di tessuto interno in TNT. 

 

Sai cucire e vuoi realizzare tu le tue mascherine? @joann_stores e mandimakes ci spiegano come realizzarle a casa, sia con macchina da cucire che senza! Per le fantasie e i disegni potete prendere spunta dalla designer @MichelaNatella.

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare