Donna moderna
Giardinaggio

Realizza un mazzo di fiori ‘sottosopra’

Sara Malaguti

Sara Malaguti  •  Flowerista

Blogger CF Style

Disponi i fiori su una ‘tavolozza’ come fossero colori. Per iniziare la composizione tieni tutto in ordine: impara così a realizzare un ‘mazzo sottosopra’!

Lasciata l’uniforme da assistente di volo, nel 2016, Simone Castiglioni decide di coronare il suo sogno di bambino: aprire un negozio di fiori. Così nasce Blossom Fiori a Gallarate (VA).

Amante dei contrasti e del riciclo, si fa ispirare da tutto ciò che trova: tubi di plastica, bottiglie di champagne, scampoli di tessuto, nulla è da buttare se può accogliere un mazzo di fiori.

 

Ecco come realizzare un ‘mazzo sottosopra’ alla Blossom, con fiori autunnali: un mazzo ideato un giorno in cui Simone osservava un bouquet di fiori in un vaso di vetro. Non gli piaceva che i gambi fossero visibili, quindi ha pensato di unire due mazzi: uno più grande che sta sopra e uno più piccolo, capovolto, che si innesta da sotto e rimane visibile grazie alla trasparenza del vetro.

  1. Scegli fiori con gambi lunghi almeno cm 50. Simone ha usato amaranthus, dalie, celosia, ortensie, eucalipto, zinnie, rudbeckia, girasoli. Stendi i fiori sul tavolo riuniti in mazzetti per tipologia. Lascia da parte il verde e i fiori piccoli che userai alla fine.

  2. Con le forbici o un coltellino, pulisci i gambi dalle foglie.

  3. Con il coltellino, taglia i gambi in diagonale: in questo modo la superficie di assorbimento dei fiori aumenta e di conseguenza la loro capacità di nutrirsi in acqua. Rinnova il taglio ogni volta che i fiori tendono ad appassire.

  4. Assembla il mazzo partendo dai fiori con corolla voluminosa, che vanno al centro.

  5. Inserisci gli altri fiori e il verde (nel nostro caso l’eucalipto) formando con i gambi una spirale. È importante che gli steli non si intreccino e che si segua sempre lo stesso verso nell’inserirli.

  6. Controlla che non ci siano spazi vuoti girando spesso il mazzo su se stesso, per vederlo da tutte le angolature. Per dare più movimento, posiziona i fiori a varie altezze, e fai svettare quelli più slanciati e sottili.

  7. Chiudi il primo mazzo: appoggialo sul tavolo per avere le mani libere e fai un doppio nodo con lo spago. Pareggia i gambi.

  8. Ora prendi il verde e i piccoli fiori che hai lasciato da parte. Uniscili sempre con la tecnica della spirale; stavolta però i gambi si avvolgono, uno per uno, intorno a quelli del primo mazzo, e si inseriscono a ‘corolla sotto’ (il volume aumenterà e sarà po’ più faticoso tenere il mazzo in mano). Chiudi con lo spago e il mazzo ‘sottosopra’ è pronto.

 

A fine giornata Simone usa  i mazzi rimasti per un ‘flower attack urbano’: li deposita per le vie di  Gallarate, sui davanzali delle vecchie  case. Un gesto di generosità che riempie le strade di colori e profumi.

Guarda anche
Piante da balcone e terrazzo

Fiori arancioni

Testi

Sara Malaguti

Foto

Sara Malaguti

Ti potrebbe interessare