Donna moderna
Consigli e soluzioni

Moltiplica le tue piante con le talee in acqua

Se vuoi moltiplicare le tue piante preferite, usa la tecnica delle talee in acqua. Scopri come si fa!

Questo è il periodo ideale per moltiplicare le piante d’appartamento. Dopo l’estate, se le hai lasciate all’aperto, saranno sicuramente rigogliose e cariche di getti vigorosi, da recidere per avere nuove piante.

In genere, tutte le specie sono adatte per essere coltivate in acqua, ma in particolare le più facili sono: i ficus, le calathee, il pothos, la dracena, la chamaedorea, i philodendri ma anche la pilea peperomioides, le aloe, le bulbose e le orchidee. Ecco cosa devi fare, passo per passo.

LE CURE INIZIALI

Nelle prime settimane dopo il trasferimento in acqua, le piante attraversano una fase di assestamento. In questa periodo non devi aggiungere all’acqua nessun tipo di fertilizzante.

L’ESPOSIZIONE

Le piantine vanno tenute lontane dal sole e in un ambiente ventilato, per permettere l’ossigenazione dell’acqua, che va tenuta sempre pulita. Dopo alcune settimane inizieranno a spuntare le prime radici!


I VANTAGGI

Questo metodo di moltiplicazione delle piante senza terra è adatto a tutti, anche a chi non è esperto. Con l’acqua al posto della terra si evita la difficoltà di dosare le innaffiature.

 

Il consiglio: Per evitare che l’acqua diventi torbida, aggiungi in ogni vaso un pezzetto di carbone di legna preso dal caminetto (e non dal barbecue!). Funziona sempre!

 

COPIA L'IDEA
In acqua, la classica patata americana o i bulbi regalano fluenti rami pieni di foglie e fioriture strepitose. Hai mai provato a riciclare le bottiglie in vetro? Se le tagli e capovolgi, sono dei perfetti vasi. 

Guarda anche
Consigli e soluzioni

Idrocoltura: come coltivare le conifere in acqua

Testi

Silvia Magnano

Foto

Piermario Ruggeri

Ti potrebbe interessare