Donna moderna
Mettere in ordine

Mettere in ordine lo studio

Dalila Libutti

Dalila Libutti  •  Yeswhere

Blogger CF Style

Piccolo o grande, ricavato nel disimpegno, nel living o in camera da letto, l’angolo studio è lo spazio della casa dove prendono forma lavoro e passioni. Tenerlo in ordine? Facile, se si conoscono gli elementi indispensabili per arredarlo.

C’è chi inserisce un piano di lavoro nella libreria o chi utilizza un ripiano a parete, chi sceglie un’ampia scrivania ultra attrezzata e chi preferisce un piccolo tavolino. Qualunque sia il tuo angolo studio ideale, per ordinarlo e organizzarlo al meglio ti occorreranno alcuni pezzi “must have”. Ecco quali:

 

Contenitori per documenti
Fogli sparsi? No grazie. In uno spazio di studio/lavoro non dovranno mai mancare scatole e schedari per tenere tutto il materiale cartaceo sotto controllo. Se poi ne possiedi davvero tanto, opta per una cassettiera con rotelle, più contenitiva e più pratica da spostare.

Portaoggetti
Gli articoli di cancelleria, i cavi dei nostri dispositivi tecnologici, ma anche le lettere e le foto che ci piace riguardare mentre lavoriamo o studiamo. Con un pannello portaoggetti, come Skådis di Ikea, ogni cosa troverà naturalmente il suo posto. Scegline uno ricco di accessori che possono essere fissati in qualunque punto del pannello e spostali di volta in volta in base alle diverse esigenze.

Lampada da lavoro
Impossibile immaginare un angolo studio che ne sia privo: la lampada è il vero protagonista di uno spazio “home office”, indispensabile per favorire comfort e produttività. Il modello ideale per l’angolo studio ha braccio e testa regolabili, così da poter orientare la luce dove serve in base ai diversi orari e non affaticare la vista.

Cestino
Chi ha detto che il cestino debba essere per forza triste? Dal momento che è un elemento che non può mai mancare in un angolo studio, scegline uno che ti piaccia, magari un po’ fuori dagli schemi. Un’idea? Una cassetta in legno, un vaso per piante o un cesto intrecciato come Flådis di Ikea.

Un tocco green
Una scrivania senza una piantina è un po’ come un cielo senza stelle: un tocco di verde in ufficio, infatti, sembrerebbe favorire la concentrazione e il benessere. Sì alle piante grasse o resistenti come la Sansevieria o la Zamioculcas e, se proprio non hai il pollice verde, punta su stampe floreali e a tema botanico che non appassiranno mai!

 

Testi

Dalila Libutti

Foto

Dalila Libutti

Ti potrebbe interessare