Donna moderna
Riscaldamento e clima

Come scegliere il climatizzatore

Climatizzatore: meglio scegliere un classico modello on-off o uno con tecnologia inverter? Scopri le differenze, come funzionano e quanto ti fanno risparmiare.

Le differenze

I climatizzatori on-off si fermano una volta raggiunta la temperatura desiderata, per poi ripartire al massimo quando questa varia e deve essere ristabilita.

I modelli con tecnologia inverter, invece, una volta raggiunta la temperatura preimpostata, per mantenerla rallentano e funzionano al minimo.

Quanto si risparmia

Con i climatizzatori inverter puoi avere un risparmio del 30% ogni 8 ore di utilizzo rispetto a un modello on/off. 

Perché si risparmia

Senza il continuo sovrasforzo accensione/spegnimento, gli inverter lavorano alla minima potenza per mantenere costante la temperatura, senza mai fermarsi. I modelli on-off invece funzionano con una continua alternanza di acceso/spento che comporta un alto consumo di energia. 

Rumorosità

Gli inverter sono molto silenziosi: quando si raggiunge la temperatura voluta rallentano e non sforzano il motore. Il livello standard non fastidioso è di 40/45 dB di giorno; di notte non deve raggiungere i 30 dB. Con questi climatizzatori spariscono i fastidiosi ‘flussi di vento’ perché il getto d’aria rimane costante e sempre a bassa velocità. 

Comfort

Negli inverter è assicurato dal sistema di regolazione continuo. La temperatura è costante: varia di circa 0,5 °C rispetto a quella impostata, contro i 2 °C dei modelli on-off.

La potenza

Indicata in kW o in BTU/h (1 watt è uguale a 3,4 Btu/h), si calcola così: basta moltiplicare per 340 BTU/h i mq della stanza che vuoi raffrescare. Considera però anche l’esposizione al sole della casa, il numero di persone che ci vivono, l’altezza del soffitto e il numero di finestre

Le funzioni

Se il modello è anche a pompa di calore, ti consentirà di riscaldare gli ambienti, funzione utile nelle stagioni intermedie. Meglio se ha anche il deumidificatore o lo ionizzatore integrato (che purifica l’aria).

Quando conviene

La tecnologia inverter è consigliata se usi il climatizzatore per molte ore di fila (per esempio, di notte). Il costo leggermente più alto rispetto a un modello on-off è ammortizzato dalla minor quantità di energia elettrica che consumerai usandolo.

Costi

Gli inverter hanno prezzi più alti rispetto ai modelli tradizionali: a parità di funzioni, costano circa 100-150 euro in più. Per esempio, il prezzo di un modello da 9.000 BTU/h parte da circa 300 euro, anche se i costi variano ovviamente anche in base alle funzioni di cui sono dotati.

 

Risultato? Nella sfida, per noi ‘vincono’ gli inverter che ti presentiamo nella gallery.

 

Testi

Simona Bruscagin

Ti potrebbe interessare