Donna moderna
Pareti e pavimenti

Pavimento in cotto: cos’è, come si cura, a cosa si abbina

Il pavimento in cotto lavorato a mano, tipico della tradizione toscana, è prodotto ancora oggi artigianalmente e dà agli ambienti un’atmosfera rustica, naturale e calda allo stesso tempo.

Il pavimento in cotto lavorato a mano, tipico della tradizione toscana, è prodotto ancora oggi artigianalmente e dà agli ambienti un’atmosfera rustica, naturale e calda allo stesso tempo.

Tipologie

  1. Il cotto tradizionale è prodotto con tecnologie moderne senza la smaltatura finale. Detto anche ‘cotto arrotato da crudo’, se posato indoor deve essere trattato perché non assorba.
  2. Il cotto smaltato è simile al tradizionale ma durante la produzione si applicano smalti che lo rendono idrorepellente. Esteticamente è simile al cotto tradizionale ma risulta leggermente vetrificato.
  3. Il cotto antico o fatto a mano è realizzato artigianalmente; i materiali vengono impastati a mano e cotti a legna in modo che il prodotto finale abbia una finitura
    rustica, naturale, irregolare e unica.

costi: il cotto fatto a mano e cotto a legna è un prodotto artigianale di pregio e va da €40 a 100/mq. ll costo di posa varia in base ai mq, al formato e allo schema di posa. Il costo del trattamento di protezione eseguito da un professionista varia tra €12 e 15/mq.

Trattamento, manutenzione e pulizia

  1.  Una volta posato il cotto, è necessario aspettare che il legante utilizzato (cemento o colla) si sia solidificato perfettamente, in modo che non rilasci umidità.
  2. Dopo aver stuccato le fughe con sabbia e cemento, quando questi si sono induriti, lava il tutto con acqua e acido muriatico diluito in acqua (10-30% e poi risciacqua con acqua pura.
  3. Perché si mantenga al meglio puoi dare una mano di cera d’api, liquida o solida, oppure di olio di lino puro crudo. Se scegli la cera, il colore del cotto rimarrà invariato, se usi l’olio tenderà a scurirsi con il tempo.
  4. Quando il pavimento è ben asciutto, ripeti il trattamento con la cera o l’olio. Puoi dare fino a 3/4 mani; dopo ogni trattamento aspetta che il pavimento diventi completamente asciutto! Ripeti questa operazione una volta all’anno.
  5. La pulizia quotidiana del pavimento in cotto può essere fatta semplicemente con dei saponi neutri diluiti in acqua per non alterare il trattamento, oppure con i detergenti specifici che trovi nei grandi magazzini del fai-da-te.

Arredare con il pavimento in cotto

Gli stili che lo mettono in risalto sono 3:
classico: tinte delle pareti bianche, cornici sulle porte e soffitti, boiserie, arredi d’epoca in noce e ciliegio, tende importanti e applique dorate.
natural: scegli colori e tinte neutre, stuoie o tappeti in iuta o cocco, poltroncine e lampade in rattan e fibre naturali. Le pareti devono essere chiare e con un fondo materico dal leggero effetto tridimensionale.
country: per ricreare uno stile rustico il pavimento in cotto si abbina perfettamente con la pietra e con elementi in legno al naturale unito a qualche elemento vintage.
Il tocco di sicuro effetto: in sala da pranzo o in cucina il tavolo può essere classico in legno (tipo fratino antico) anche tinto di bianco décapé; oppure, a contrasto, scegline uno industrial tinto bianco e crealo tu con cavalletti e piano in legno da abbinare a sedie di design, come le DSW di [Vitra].

Guarda anche
Pareti e pavimenti

Cotto macchiato: ecco come pulirlo

Testi

Carlotta Pesce

Stylist

Giovanna Fra

Foto

Piermario Ruggeri

Ti potrebbe interessare