Donna moderna
CF Social Design Week

Un’installazione coloratissima accoglie i visitatori del flagship store Gabel1957 durante la Milano Design Week

Martina Zonno

Martina Zonno  •  Ispirando

Blogger CF Style

​​In occasione della Milano Design Week 2022, Gabel1957, ti accoglie con i suoi colori, le tinte decise e un’installazione extra sensoriale immersiva.

In Corso Garibaldi 65 il nuovo store di Gabel1957, incuriosisce e conquista con la sua esplosione di colore. Gabel1957 è da sempre associato al Made in Italy, alla qualità, alla sostenibilità e al colore; con la nuovissima collezione Di Più Color Emotion, presenta un progetto iconico pensato sotto una nuova veste fresca e moderna.

Un’azienda da sempre attenta alle nuove tecnologie, alla ricerca e alla qualità delle materie prime, che grazie a un’esclusiva tecnica di stampa e a una speciale sovrapposizione di cilindri, ha creato un effetto sfumato unico nel suo genere. Una resa gradiente decisamente naturale, una sfumatura di colore che non presenta distacchi, trasmettendo così armonia e continuità.

La linea Di Più Color Emotion è disponibile in cinque varianti colore; dalle tonalità più vitaminiche come il Rosa Vivo, Lime e Tramonto a quelle più soft, come Oceano e Nebbia. Ideali da usare singolarmente ma anche da combinare con altri tessuti del brand, così da smorzare tonalità troppo forti o donare maggiore carattere ai colori più delicati.

Le nuances decise della nuova collezione si possono ammirare anche dall’installazione di nastri colorati disposta all’ingresso del Flaghship Store in occasione della Milano Design Week 2022. Un baldacchino sensoriale con una cascata di colori disposti a gradiente; leggeri e sinuosi, si muoveranno anche al minimo soffio di vento, così da creare un’atmosfera decisamente rilassante, ti basterà solo sdraiarti e osservare i colori muoversi in simultanea.

Un’installazione che si collega inoltre alle sfumature della nuova collezione ma anche alla vasta gamma colori presente nella teleria del brand.

 

Testi

Martina Zonno

Foto

Martina Zonno

Ti potrebbe interessare