Donna moderna
Idee per la tavola

6 tipologie di tè e come servirle

Alessandra Barlassina

Alessandra Barlassina  •  Gucki

Blogger CF Style

In alcuni Paesi viene consumato più del caffè. Basta una tazza per regalarsi vero relax e riequilibrare la giornata. Scopri qui le varietà principali e come prepararle e servirle (con stile!)

Per i puristi il tè è soltanto quello in foglie. La dose giusta? Circa 1 grammo ogni 100 ml di acqua, ma può variare a seconda del tipo di tè o del gusto personale.

A ognuno il suo! Le tantissime varietà di tè si raggruppano in 6 macro categorie: bianco, nero, verde, giallo, oolong e post-fermentato (o Pu’er). Nascono tutte dalla stessa pianta, la Camelia sinensis, che viene sottoposta a tante diverse lavorazioni.

TÈ BIANCO

È prodotto principalmente in Cina e la sua lavorazione parte dai germogli ancora chiusi delle foglie, ricoperti da una lieve peluria bianca. Gli intenditori lo preparano con acqua a bassa temperatura e lo bevono al naturale. Ha qualità antinfiammatorie e antiossidanti e aiuta ad accelerare il metabolismo.

TÈ VERDE

Arriva da Cina, Giappone e India. Durante la lavorazione, le foglie non devono subire nessuna ossidazione, per rimanere verdi, e quando lo prepari la temperatura non deve raggiungere i 100 °C, per non cuocere le foglie. Il giusto metodo? Portare a ebollizione l’acqua, farla raffreddare per 1 minuto e versarla sulle foglie di tè cercando di colpire prima la parete della tazza. Non più di 3 minuti in infusione. Stimola il metabolismo e aiuta a prevenire malattie dell’apparato digerente e infiammatorie.

TÈ GIALLO

È una varietà rara di tè verde prodotta in Cina, che viene sottoposta a una parziale ossidazione.

TÈ NERO

Le foglie, dopo la raccolta, vengono fatte macerare ed essiccare, per poi essere arrotolate. Il processo si ripete due volte. È la varietà che contiene la più alta percentuale di caffeina. Per prepararlo, si porta a ebollizione l’acqua lasciandolo in infusione al massimo per tre minuti. Si consuma al naturale o con l’aggiunta di latte, di limone o dolcificato. Antiossidante, ti aiuta a mantenere in salute il sistema cardiovascolare.

TÈ OOLONG

Varietà a metà tra tè verde e tè nero.

TÈ PU’ER (O POST- FERMENTATO)

Tra i meno conosciuti, prende il nome dalla provincia cinese di coltivazione e prevede una doppia fermentazione (invecchiamento e batteri). Per prepararlo, l’acqua deve raggiungere i 95 °C, con infusione di 3-4 min. Stimola il sistema nervoso centrale. È un potente brucia grassi.

 

VUOI EVITARE LA CAFFEINA? Scegli una tisana al posto del tè. Per l’infusione perfetta, scalda la tazza prima di iniziare l’infusione. Riempi la tazza per metà con acqua bollente, attendi 30 secondi e svuotala. Ora la tazza è calda e potrai procedere con l’infusione.

Guarda anche
Idee per la tavola

I segreti per una perfetta tazza di tè

Testi

Alessandra Barlassina

Ti potrebbe interessare