Donna moderna
Decorare

Come applicare la carta da parati

Michela Andrioletti

Michela Andrioletti  •  Datemi un martello

Blogger CF Style

Ami il fai-da-te e vuoi provare ad applicare la carta da parati? Segui questi 7 consigli prima di iniziare!

Fino a due anni fa pensavo che applicare la carta da parati fosse un’operazione impossibile... poi ci ho provato! A volte bisogna solo trovare il coraggio di cominciare e piano piano si migliora, si imparano i trucchi e si affina la propria manualità. Ecco 7 punti da considerare prima di iniziare.

  1. Quale carta scegliere? Ci sono 3 tipologie di carta da parati, la più facile da applicare è quella autoadesiva, che funziona proprio come le figurine di una volta. Si rimuove la pellicola ed è subito pronta all’uso. C’è la carta da parati pre gommata, che bisogna inumidire con l’acqua prima di procedere con l’applicazione. Infine la più professionale, che richiede una certa manualità: quella da applicare con l’apposita colla. Quest’ultima è quella con la varietà maggiore di disegni e pattern ma, se siete alle prime armi, vi sconsiglio di sceglierla perché dosare la giusta quantità di colla non è un’operazione immediata e inoltre è la più difficile da rimuovere nel caso ci si accorgesse di aver commesso un errore o un’imprecisione.
  2. Quale è il budget? La carta da parati è un modo piuttosto economico per rivoluzionare un’intera stanza, ma bisogna considerare che i prezzi variano molto, si parte da un minimo di 20 euro, ma si può arrivare anche a 200 euro a rotolo. Un modo per contenere i costi è applicarla solo su di una parete anziché sull’intero ambiente. Oppure si può scegliere tra quelle che stanno uscendo di produzione e per questo motivo vengono scontate, avendo l'accortezza di comprarne un po’ di scorta e così arriviamo al terzo punto...
  3. Quanta ne serve? Qui la risposta è: dipende! Perché oltre che dalle dimensioni della vostra parete, molto dipende dalle dimensioni del disegno e dalla frequenza con cui si ripete e di conseguenza dalla quantità che si dovrà scartare. Quindi ogni rotolo richiede il proprio calcolo, fatelo con cura e precisione e alla fine aggiungete sempre almeno un rotolo in più.
  4. Quale stile scegliere? Oltre al gusto personale e al progetto che si ha in mente considerate la vostra manualità. All'inizio è meglio optare per le carte con stampe dalle linee morbide, magari asimmetriche. Evitate i disegni troppi grandi e soprattutto le righe, i quadri e le forme squadrate perché è complicato far combaciare i bordi e mantenerle perpendicolari.
  5. Dove acquistare? Senza dubbio online! due siti che mi sento di consigliare sono: carta da parati degli anni 70 e Room mates decor
  6. Cosa serve? Per tutte un taglierino ben affilato, una livella, una spatola e tanta pazienza! Per la carta pre gommata servirà anche uno spruzzino per l’acqua e per quella tradizionale un pennello per stendere la colla.
  7. Come procedere? Bisogna preparare la parete pulendola accuratamente, eliminare tutti i chiodi, ganci e le viti. Stuccate i buchi e levigate il più possibile la parete, più è liscia più la carta aderirà facilmente. Poi seguite attentamente le istruzioni riportate sulla carta che avete scelto. La cosa fondamentale è stenderla perfettamente, avendo cura di eliminare ogni piccola bolla d’aria. Passate la spatola più e più volte sempre con delicatezza onde evitare che si formino pieghe o grinze. Personalmente non taglio mai la carta a terra preferisco farlo direttamente “a muro” con il taglierino, perché spesso le pareti e i battiscopa non sono perfettamente dritti e in questo modo si evitano sprechi.

Testi

Michela Andrioletti

Foto

Michela Andrioletti

Ti potrebbe interessare