Donna moderna
Prima & Dopo

Né open space, né ambienti rigidi e chiusi

Tutto sta nelle porte scorrevoli e a scomparsa: basta aprirle e chiuderle per avere grandi stanze o spazi più riservati. Come nell'appartamento 'flessibile' di Fabiola, dove la CFstylist ha aggiunto brio e colori!

Fabiola è una giovane donna con un gusto deciso e moderno. Vive a Roma con Luca, avvocato, e il loro bambino. «Dopo la nascita di Valente, abbiamo sentito il bisogno di una casa più grande, luminosa e accogliente dell’open space un po’ asettico in cui vivevamo, pensato più per una coppia dalla vita frenetica che per una famiglia». Una volta trovato l’appartamento molto ampio e affacciato sullo splendido parco di Villa Pamphili, Fabiola ha chiamato in aiuto la nostra stylist Cristina Gigli, prontamente giunta in suo soccorso. Questo è il risultato del loro lavoro...

L'idea iniziale era di separare la cucina dal soggiorno, ma una volta abbattuti i muri divisori, la coppia – seguendo anche i preziosi consigli dell’architetto Giulia Roncoroni – ha optato invece per ampi pannelli scorrevoli che rendono più dinamici gli spazi. Così anche l’ingresso, grande e sprecato, si è fuso con il resto della casa in un unico spazio.

A ristrutturazione ultimata, la famiglia ha vissuto per alcuni mesi con il minimo indispensabile degli arredi. «Avevo bisogno di ripartire da zero, volevo pulizia e vuoto mentale per capire come arredare questo nuovo spazio di 140 mq!». Fabiola desiderava un tocco in più e, per paura di sbagliare, per un po’ ha tenuto tutto imballato, anche i quadri. Fino a che un giorno, all’improvviso, ogni cosa ha trovato il suo posto, in modo quasi magico!

A salvare Fabiola dall’ansia che procura avere una casa ‘tutta da fare’ è arrivato il team di CasaFacile, capitanato da Cristina. «Grazie a lei ho riacquistato la mia fiducia creativa, davvero importante anche per il mio lavoro'. Insieme, Fabiola e Cristina hanno iniziato a riempire di idee e cose belle questa ex-scatola vuota, dando risalto a ogni oggetto."Io e Luca abbiamo spesso pareri discordanti, ma su una cosa eravamo d’accordo: la nostra casa doveva essere prima di tutto accogliente. Da qui la scelta del parquet in rovere continuo in tutti gli ambienti, persino in bagno, e del bianco per le pareti» racconta Fabiola. Non mancano i dettagli furbi, come la testiera a tutta parete che nasconde le cabine armadio o le nicchie-scaffale ricavate nel muro: da copiare


Disegni 
Michela Savio
Testi

Nina Bassoli - Aziza Vasco

Stylist

Cristina Gigli

Ti potrebbe interessare