Donna moderna
Ingresso e disimpegni

L’ingresso che con c’era con la parete-libreria smart

L’entrata diretta in soggiorno era poco pratica e impediva di sfruttare gli spazi. Gli architetti hanno trovato la soluzione: un’armadiatura multifunzione (con luce annessa) che fa da filtro e divide l’ambiente in due zone che ‘si parlano’. Un progetto da copiare!

Alla nostra casa mancava un ingresso: entrando direttamente nel living si finiva per lasciare sempre in disordine giacche e borse. (Gaspare, il padrone di casa)

Gli architetti hanno proposto un’armadiatura filtro tra la porta d’ingresso e il soggiorno, senza alzare muri. Lo specchio a tutta altezza di fronte alla porta amplia lo spazio e il mobile aiuta a fare ordine in un attimo perché niente è a vista... ma tutto è sotto mano.

La parete ‘camouflage’ è bifacciale

La zona ingresso è definita da una parete attrezzata che è in realtà un’armadiatura capiente aperta sui due lati (pur sembrando una semplice parete divisoria): il lato che si affaccia sul living ospita la zona TV e ha numerosi cassettoni estraibili. Il pannello all’estrema sinistra è una grande anta che dà accesso allo spazio dedicato alla cristalleria e ai servizi da tavola più amati da Daniela la proprietaria di casa, nascosti ma a portata di mano.

L’illuminazione disegna lo spazio

Un’unica cornice luminosa corre lungo il perimetro della struttura in ferro che definisce gli spazi: questa striscia di luci a Led consente di illuminare l’ingresso e poi ‘svolta’ verso la zona TV creando continuità.

BUDGET

  • armadiatura è stata realizzata su misura e il costo comprende il lavoro di falegname, fabbro, vetraio e impiantista.

Totale 10.000€

Guarda anche
Ingresso e disimpegni

Ripensare l’ingresso di casa dopo la pandemia

Guarda anche
Illuminazione

Scuola di luce: un ingresso accogliente

Testi

Giusi Mondino e Gianni Ingardia

Progetto

Giusi Mondino e Gianni Ingardia - Ad’Architettura

Foto

Giusi Mondino e Gianni Ingardia

Ti potrebbe interessare