Donna moderna
Pareti e pavimenti

Di tendenza: piastrelle e carte da parati trompe l’oeil

Perché tutti impazziscono per le nuove piastrelle e carte da parati? Perché permettono di ottenere pareti con effetti particolari: effetto-mattoni, effetto-tessuto, effetto-stucco. I nuovi rivestimenti sono trompe l'oeil

La tendenza è chiara: oggi il mondo delle carte da parati e dei rivestimenti in grès lavora sul gioco degli effetti. Le nuove tecnologie di produzione di questi materiali, infatti, permettono di farne dei veri e propri trompe l'oeil capaci di "mimare" l'effetto di altri materiali. qui vi riportiamo alcuni esempi, ma la ricerca in questo senso è inarrestabile e cavalca la tendenza del décor contemporaneo, che vuole pareti non banali, che non si accontentano di essere semplicemente decorate ma che vogliono addirittura diventare altro, e trasportarci in mondi diversi.

Le carte da parati che si fingono muri

Questo significa, per esempio, che chi sogna una parete in mattoni rossi che ricordi il sapore tipico di un loft newyorkese, può ottenerlo facilmente e con costi contenuti semplicemente scegliendo una carta da parati! Le carte da parati effetto trompe l'oeil vegono prodotte su misura della parete, in modo da riproporzionare il disegno in base alle dimensioni della superficie che devono ricoprire.

Le piastrelle che si fingono tessuto

Molto interessante anche la tendenza nel mondo delle piastrelle. Il grès è un materiale estremamente versatile e dalle straordinarie capacità "mimetiche": dopo il boom dei pavimenti in grès effetto legno, a volte così perfetti da essere difficilmente distinguibili da un reale parquet, questo materiale contemporaneo, funzionale e versatile sta esplorando nuove frontiere. Direste mai che una piastrella possa illudervi fino a farvi credere di essere una preziosa tappezzeria in tessuto? Eppure succede anche questo. Come dimostra la nostra gallery.

Rivestimenti effetto trompe l'oeil

C'è un'altra tendenza in fatto di decoro: la carta da parati che riesce a far comparire l'immagine di arredi che non ci sono. In questo caso si trovano, per esempio, wallpaper che riproducono una libreria e che possono essere poi completate con moduli contenitore reali, in modo da portare all'estremo il dialogo tra illustrazione 2D e realtà 3D.

Ti potrebbe interessare