Donna moderna
News

Scopri come viene prodotto un rubinetto di design

Simona Ortolan

Simona Ortolan  •  Il pampano

Blogger CF Style

In occasione del 65° anniversario di attività, Guglielmi per la prima volta apre le porte dell'Azienda per raccontare la propria storia.

Guglielmi, storica azienda italiana nel settore della rubinetteria, nasce nel 1954 a Valduggia ad opera di Armando Guglielmi ed è con la passione dei figli e ora anche dei nipoti che si concretizza e si espande nel mondo l’idea di fare del rubinetto un’opera di design che unisce estetica e funzionalità.

Da sempre attenta allo sviluppo tecnologico e alla sostenibilità ambientale, l’azienda realizza prodotti dotati di tecnologie mirate alla riduzione del consumo di acqua e che rispondono a severi standard internazionali.

L'innovazione è alla base dell'azienda, basti pensare che Armando, nel 1954 fu il primo a produrre e brevettare il primo sistema monocomando scaldacqua per doccia in Italia. Tutte le collezioni di Guglielmi sono concepite, progettate e prodotte in Italia e sottoposte a rigorosi controlli di qualità.

Vuoi sapere come nasce un rubinetto?

  1. Progettazione: nella fase di ideazione e progettazione l’ufficio stile analizza le forme e i materiali con cui verrà realizzato il rubinetto. Presso l’ufficio tecnico il prodotto viene ingegnerizzato grazie all’impiego di software 3D.
  2. Prototipazione: consiste nella realizzazione di prototipi stampati in plastica ABS. questo passaggio consente di verificarne la forma e l’ergonomia. Una volta approvato il modello può essere prodotto industrialmente.
  3. Fonderia: durante questa fase vengono svolte le attività che permettono di ottenere i corpi grezzi dei nostri rubinetti. Il primo processo riguarda la creazione di cosiddette anime che saranno utilizzate per ottenere i fori nella fusione, cioè le parti che non devono essere riempite dal metallo liquido (ottone fuso). Le anime sono formate da terra o sabbia mescolata ad agglomerati formati con uno stampo in negativo detto cassa d'anima. Il secondo passaggio consiste nella creazione delle conchiglie ovvero lo stampo dentro cui verrà colato il metallo (ottone fuso). 
  4. Pulitura / Smerigliatura / Lucidatura: processi di lavorazione dei metalli che costituiscono le attività di preparazione alle lavorazioni metalliche vere e proprie come nichelatura, cromatura e doratura. Lo scopo del processo di lucidatura è quello di limare le microscopiche irregolarità del corpo al fine di rendere la superficie trattata il più levigata possibile.
  5. Cromatura: la cromatura prevede l'immersione del pezzo da cromare in una serie di vasche. In una prima serie di questi il pezzo viene sgrassato e pulito. 
  6. Verniciatura: consiste nello spruzzare uno strato di colore sul prodotto precedentemente trattato definendo le caratteristiche del colore, la brillantezza o l’opacità. Si procede alla cottura in forno in modo da fissare la vernice, irrobustendola e donandole omogeneità e durevolezza.
  7. Controllo-qualità: presa visione delle singole parti che costituiranno l’intero rubinetto affinché non abbiano difetti.
  8. Assemblaggio: processo dedicato alle operazioni necessarie per unire le varie parti, precostruite o singole del rubinetto.
  9. Testing: processo che consiste nel collaudo del prodotto finito per garantire performance, affidabilità e durabilità nel tempo.
  10. Imballaggio: il prodotto finito e controllato viene inscatolato.
  11. Spedizioni: il prodotto è pronto per essere spedito nel mondo.
Testi

Simona Ortolan - ilpampano-designbimbi.com

Ti potrebbe interessare