Donna moderna
News

Giornata Mondiale dell’acqua: 7 verità…per non bersi un mare di fake news

Sull’acqua, bene primario imprescindibile per la vita di tutti, gli italiani non hanno le idee chiare... ecco 7 verità.

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, Culligan (leader internazionale nel settore dell’acqua da oltre 80 anni) invita a riflettere su una serie di “bufale” in tema di acqua… per non perdersi in un mare di fake news.

L’acqua del rubinetto non è sicura - FALSO

Secondo una recente ricerca dell’Irsa, l’istituto del Consiglio Nazionale di Ricerca (CNR) deputato al controllo della qualità dell’acqua, l’Italia si posiziona ad un ottimo quinto posto in Europa per qualità dell’acqua di acquedotto. 
Dal punto di vista normativo, le acque potabili per consumo umano sono disciplinate dal Decreto 31/2001.
Nonostante la comprovata qualità media dell’acqua degli acquedotti italiani, nel nostro Paese permane una radicata convinzione che l’acqua del rubinetto non sia sicura. 

È meglio bere solo acqua in bottiglia - NÈ VERO, NÈ FALSO

Paragonare la qualità delle acque non è semplice. Non tutti sanno, infatti, che l’acqua di acquedotto e le acque minerali sono regolate da normative differenti. Tale discrepanza normativa fa sì che alcune acque minerali in commercio contengano elementi (come ad esempio arsenico, manganese o solfati) in quantità superiori rispetto ai parametri ammessi per l’acqua del rubinetto destinata al consumo umano. Molti parametri, normati per le acque di rete non hanno limite per le acque in bottiglia e alcune famose acque in bottiglia non risulterebbero potabili. Le bottiglie di acqua minerale poi, sono spesso
realizzate in plastica PET, materiale che tende a deteriorarsi e a rilasciare
particelle nocive.

L’acqua ad elevato contenuto di sodio fa male alla salute - FALSO

Spesso la ridotta percentuale di Sodio nell’acqua da bere viene indicata a garanzia di qualità superiore. In realtà, il Sodio è una sostanza fondamentale per il corpo umano. Tuttavia, se è vero in presenza di alcune patologie è raccomandata un’assunzione ridotta di sodio, è altresì vero che la frazione di sodio assorbita attraverso l’acqua ha un impatto trascurabile rispetto a quella assunta attraverso gli alimenti.

L’acqua ad elevato contenuto di calcio fa venire i calcoli - FALSO

Molti pensano che bere l’acqua del rubinetto, anche quella ad elevato residuo fisso, vale a dire ricca di sali di Calcio e Magnesio, possa favorire la formazione di calcoli renali. In realtà si tratta di un luogo comune senza fondamento. 

Il cloro presente nell’acqua del rubinetto non fa bene - FALSO

Il cloro è presente per legge nelle acque potabili proprio a garanzia della salute pubblica (Decreto Legislativo 31/200). La funzione del cloro è quella di sanitizzare gli acquedotti ed evitare eventuali contaminazioni batteriche
assicurando la qualità e la salubrità dell’acqua all’interno della rete idrica.

Bere durante i pasti fa male alla salute - FALSO

Molte persone ritengono erroneamente che è meglio non bere durante i pasti. Come riporta l’Istituto Superiore della Sanità, si tratta di una convinzione erronea. Bere una giusta quantità di acqua durante il pasto svolge un ruolo importante nella digestione. 

Le bottiglie in plastica sono riciclabili e si smaltiscono senza problemi - FALSO

Le bottiglie di plastica in PET, avendo una vita media stimata intorno ai 1000 anni, non sono biodegradabili. Attualmente, solo una parte minoritaria delle bottiglie in plastica viene correttamente raccolta e avviata al riciclo. Di questa, una percentuale ancora minore viene realmente trasformata in nuovi oggetti, contenitori o imballaggi.

Ti potrebbe interessare