Donna moderna
News

Comprare casa: la startup che elimina gli intermediari

Due neo-imprenditrici lanciano kommycasa.it il sito che mette in contatto venditori e acquirenti privati

In cerca di una casa nuova? Magari da privato a privato? Oggi è possibile grazie all’intuizione di Marika Buono e Roberta Mancosu, due neo-imprenditrici che hanno dato vita alla startup kommycasa.it.

L’idea è semplice ma vincente: il sito mette in comunicazione diretta i privati che desiderano vendere (o affittare) la propria casa e i privati che ne cercano una nuova. Il tutto senza mediatori. Una sorta di community, insomma, da cui il nome “kommy” (con la “k“ da Marika).

«Qualche anno fa», racconta Marika, «mi sono trovata nella necessità di cambiare casa. Ero appena diventata mamma e con mio marito abbiamo messo in vendita l’appartamento in cui abitavamo tramite i canali – diciamo – tradizionali: le agenzie immobiliari. E mi sono accorta che, tra le persone che venivano a visitare l’appartamento, molti erano fuori target. Così mi è venuta l’idea di creare un progetto dove fossero subito chiare le richieste e le offerte delle due parti, venditori e compratori.

Tramite inserzione, su kommycasa.it chi vende presenta direttamente le caratteristiche del proprio bene e chi acquista può esprimere le proprie esigenze.

In breve tempo ho incontrato la prima socia, Roberta. E da lì è partito tutto».
Anche per quanto riguarda i controlli necessari, kommycasa.it non lascia da solo chi acquista. «Nel sito abbiamo previsto una sezione, “Servizi” », spiega Roberta, «dove offriamo contatti con professionisti che offrono le proprie consulenze con formule “a pacchetto” a prezzi calmierati».
Per ora, il mercato di kommycasa.it copre le aree di Milano e Torino e  rispettivi hinterland. «L’idea è trovare nuovi soci in modo da avere le forze per creare una rete su tutta Italia. Abbiamo un progetto ambizioso e vorremmo svilupparci in modo da avere più informazioni possibile sui bisogni, richieste e offerte, dei privati. Basandoci su questi dati, potremmo sviluppare un algoritmo accessibile ai professionisti, per esempio ai costruttori, che saprebbero con certezza come indirizzare i loro progetti».