Donna moderna
Bagno e lavanderia

Come scegliere il mobile per il lavabo

Francesca Peratoni

Francesca Peratoni  •  ArchitettaMi

Blogger CF Style

Ormai esistono lavabi di tutte le forme, materiali, colori e c'è veramente l'imbarazzo della scelta. Scopri con me come sceglierlo!

Il bagno è diventato negli ultimi anni un punto focale nei progetti di ristrutturazione. Non è solo il luogo dove quotidianamente provvediamo alla nostra igiene personale, ma è l'angolo del benessere e del relax, dove potersi ricaricare dopo una giornata di lavoro. Così il bagno ha subito un'evoluzione sia nell'estetica che nella tecnologia. Pensiamo alle docce, a come sono mutate per accontentare le nuove esigenze: hanno la funzione idromassaggio e sauna; i soffioni sono dotati di luce a led e cromoterapia; i piatti doccia sono diventati extra large e sottilissimi. Un altro protagonista nella progettazione del bagno è il lavandino.

Bellissimi sono quelli sospesi, leggeri, essenziali ma, come spesso capita, quando si ristruttura la casa ad esempio di una famiglia, il lavandino da solo difficilmente può esistere. Comunemente una persona possiede a testa almeno 10 prodotti tra creme e profumi. Per questo il lavandino spesso si abbina ad un mobile capace di contenere diversi articoli.

Ma vediamo insieme come valutare lo spazio in funzione del lavabo.

  • Il lavandino d'appoggio è quello che meglio si presta a lasciare maggiore spazio all'interno del mobile, che a parte l'ingombro del sifone, rimane nella sua interezza. Ricorda che la sua altezza determina la posizione del mobile stesso. Considerate che solitamente il bordo superiore del lavandino viene posizionato a 85 cm da terra. Quindi se questo ha uno spessore elevato il mobile si troverà ad un livello più basso. Questo però non sempre piace, soprattutto alle persone alte. 
  • Se non ti piace l'idea che il mobile sia posizionato più in basso, puoi utilizzare lavandini da semi incasso in modo da alzare la posizione, mantenendo comunque l'effetto piacevole del lavabo d'appoggio.
  • Se ci piace il lavabo da incasso devi considerare che oltre al sifone lo spazio è occupato dalla profondità del lavabo stesso.
  • Se invece possiedi già un mobile e vuoi modificarlo per utilizzarlo in bagno (come ad esempio una sideboard anni '50 e '60 del nord Europa) considera l'altezza del mobile per scegliere il lavandino. Più bassa sarà la sideboard più spesso dovrà essere il lavandino e viceversa.

 

Guarda anche
Bagno e lavanderia

Bagno: rubinetti a parete

Guarda anche
Bagno e lavanderia

Bagno: zona lavabo in stile natural-chic

Guarda anche
Bagno e lavanderia

Il bagno effetto SPA con sauna e stufa

Testi

Francesca Peratoni

Ti potrebbe interessare