Donna moderna
Consigli e soluzioni

Come coltivare i papaveri

In piena estate vediamo nei campi distese di papaveri rossi. Ma lo sai che si possono coltivare anche sul terrazzo e in giardino? Scopri con noi come fare

Siamo abituati a vederli crescere spontaneamente nei campi e questo ci fa pensare che la coltivazione in vaso o in giardino del papavero non sia possibile. Niente di più sbagliato! Sfatiamo questa leggenda con alcuni consigli pratici sulla coltivazione casalinga:

SEMINA
Il periodo migliore per seminare i papaveri annuali è l'autunno. I semi, molto piccoli, vanno disposti sul terreno e leggermente pressati. Se dividi i semi in vari gruppi e interri ogni gruppo a intervalli di una settimana o due, il giardino avrà fiori colorati per un periodo più lungo. Innaffia i semi appena messi nel terreno. Per la specie perenne la stagione adatta è la primavera.

ESPOSIZIONE
Amano il sole per almeno 5/6 ore al giorno, senza esagerare!

TERRENO
Quello ottimale per una buona coltivazione, è un terreno leggero e ben drenato, ricco di sabbia e ghiaia. 

COLTIVAZIONE
I papaveri resistono anche in condizioni di sostanziale aridità e quindi non necessitano di annaffiature abbondanti. Nei periodi più caldi, per quelli in vaso basta una volta ogni 4/5 giorni, in terra 1 volta alla settimena. 

CONCIME
Vanno bene i comuni concimi per piante. 


ERRORI DA NON FARE indecision
Evita di trapiantare gli esemplari adulti, non resisterebbero allo sterss. Se proprio non hai alternative... fai il trapianto di sera e bagnali bene.
Troppo sole può essere letale.

LO SAPEVI CHE...
Esistono papaveri di tutti i colori: ce ne sono ben 100 specie diverse di  dal rosa al bianco, dal giallo all'arancione.

ABBINALI A... yes
I papaveri possono servire per decorare siepi e bordure e per creare spazi dal mood country. Se li abbini a
delphinium, nontiscordardimé, nepeta, graminacee e margherite, il risultato sarà stupefacente. 

RACCOLTA SEMI 
A fine agosto raccogli i semi dalle capsule secche: li puoi utilizzare per preparare dolci e pane. Oppure conservali al fresco per la semina sucessiva.
Testi

Silvia Magnano

Ti potrebbe interessare