Donna moderna
Mettere in ordine

Buone pratiche quotidiane per ridurre i consumi d’acqua

Una serie di consigli per usare le risorse idriche in modo ecologico (e risparmiare sulla bolletta)

Abbiamo pensato ad una lista di buone pratiche da adottare nella vita di tutti i giorni: non cambieranno la tua vita in alcun modo, ma ti permetteranno di imparare a non sprecare acqua e, di conseguenza, a risparmiare anche parecchio sulla bolletta dell’acqua!

Se vuoi impegnarti nel risparmio energetico e renderti conto dei tuoi progressi, prendi nota dei numeri del contatore dell’acqua in un mese, inizia a mettere in pratica i nostri consigli e poi ricontrolla i consumi: vedrai che differenza!

Piccoli accorgimenti
  • Installa riduttori di flusso su tutti i rubinetti di casa: funzionano mescolando una quantità di aria all’acqua, riducendo quindi la portata anche del 50%. Fa attenzione, perché in commercio è molto più facile trovare i “frangigetto”, in grado di ridurre i consumi in maniera molto meno significativa.
  • Controlla i rubinetti, alla ricerca di possibili micro perdite.
  • Non tenere il rubinetto aperto mentre ti lavi i denti o le mani. Anche sotto la doccia, se puoi, chiudi l’acqua quando ti insaponi.
  • Non rinunciare ad un bel bagno caldo, di tanto in tanto, ma tutti i giorni scegli la doccia, che consuma meno.
  • Prediligi l’uso della lavastoviglie rispetto al lavaggio a mano e ricordati di usarla a pieno carico: in questo modo infatti si ottimizzano al massimo i consumi di acqua e luce. Se comunque devi o preferisci lavare i piatti a mano, riempi il lavandino d’acqua calda saponata e procedi al lavaggio evitando di lasciare il rubinetto aperto.
  • D’estate innaffia le piante verso sera, così l’acqua evaporerà più lentamente.
  • Usa lo scarico del wc in base alle necessità: quasi tutti i bagni sono dotati di doppio pulsante con portata differenziata e solitamente è sufficiente lo scarico più piccolo, con il quale si risparmiano circa dai 3 ai 5 litri ogni volta.
  • Fai sempre la lavatrice a pieno carico.
  • Scongela gli alimenti all’aria o in una bacinella, evitando la pessima pratica di lasciare i sacchetti sotto l’acqua corrente: si sprecano infatti 6 litri al minuti e lo scongelamento non avviene nel modo corretto.

Se vuoi davvero fare sul serio

L'acqua che utilizzi può essere anche riciclata per un secondo uso, per esempio:
  • Quando fai la doccia e apri l’acqua per farla scaldare, raccogli quella che scorre con una bacinella: potrai poi riutilizzarla per il bucato, per bagnare i fiori, per lavare il pavimento…
  • Lava le verdure immergendole in una bacinella, anziché sotto il rubinetto: conserva poi l’acqua e riutilizzala in giardino.
  • Utilizza l’acqua di cottura della pasta (ricca di sale e amido) per lavare le stoviglie.
  • Lo sai che l’acqua scaricata da deumidificatori e condizionatori è totalmente priva di calcare? Puoi quindi riutilizzarla per il ferro da stiro.
Testi

Paola Tartaglino - wemakeapair.com

Ti potrebbe interessare