Donna moderna
News

La casa? Da un albero! Scopri la mostra a Bergamo Città Alta

La settima edizione de I Maestri del Paesaggio è un’ottima occasione per scoprire questa città e visitare la mostra dedicata al legno fino al 24 settembre 2017

Dal 7 al 24 settembre siete invitati a entrare in una voliera gigante (in città bassa, Piazza Vittorio Veneto), a sedervi sulle grandi uova di legno e a seguire il volo degli uccellini… per arrivare in Piazza vecchia a Bergamo Alta e visitare la mostra nella Sala dei Giuristi. E sentirvi a casa!

Abitare il pianeta è come abitare la propria casa e può essere fatto in modo naturale. È questo il messaggio che le 35 aziende de Il Legno, dalla Natura alla Cose vogliono trasmettere con la mostra La Casa da un Albero – Vivere “Cool” progettata dallo Studio Basaglia e Rota Nodari Architetti Associati.

Come un uccellino raccoglie i ramoscelli di legno per costruire il proprio nido, così anche l’uomo ha a disposizione moltissime possibilità per utilizzare un materiale nobile, naturale e infinitamente rinnovabile come il legno, per costruire il proprio habitat domestico.

“Con il progetto di quest’anno abbiamo voluto rappresentare in maniera concreta tutta la filiera del legno, dalla materia prima all’oggetto finito, ricreando gli spazi del vivere quotidiano in modo gerarchico. Si parte dallo spazio più intimo della zona notte e fitness, passando attraverso la zona living dove condividiamo il nostro tempo con famigliari e amici fino ad arrivare all’area più pubblica rappresentata dall’outdoor.” – commenta l’architetto Alberto Basaglia, curatore dell’esposizione insieme all’architetto Natalia Rota Nodari.

All’ingresso della mostra, dal 4 al 27 settembre è inoltre possibile acquistare due icone de Il Legno, dalla Natura alle Cose: l’uccellino, protagonista dell’installazione in città bassa e la seconda edizione dell’Ovoteca, con sei nuove essenze numerate da collezionare, per diffondere la cultura del legno e promuovere la solidarietà. Infatti, il ricavato dalla vendita delle ovoteche sarà donato al reparto Pediatrico dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Ti potrebbe interessare