Donna moderna
Piante grasse

Selenicereus anthonyanus: il cactus zig-zag

Ami le piante grasse un po’ insolite? Questa fa proprio al caso tuo!

Ha un nome botanico non facile da ricordare, Selenicereus anthonyanus, che significa ‘candela della luna’. Perché? I suoi fiori profumatissimi, di colore rosso rubino, sbocciano soltanto di notte. Scoprila con noi.

nome botanico: Selenicereus anthonyanus
nome comune: cactus zig-zag e ‘lisca di pesce’
famiglia: Cactaceae
origine: Messico
dimensioni: foglie cm 80
temperatura ideale: tra i 14 e i 30 °C
coltivazione: cresce bene in ambienti caldi e umidi, molto luminosi.

Caratteristiche

È un cactus epifito (nel suo habitat ha radici aeree) originario delle zone pluviali del Messico. Facile da coltivare, è molto apprezzato per il portamento semipendulo e la forma ondulata delle lunghe foglie.

Come si coltiva

In casa, durante l’inverno, richiede rare innaffiature e un ambiente luminoso, caldo e umido (il bagno e la cucina sono perfetti). In primavera, portalo all’aperto in modo graduale per evitare le ‘scottature’, inizia a bagnarlo una volta alla settimana e per stimolare la fioritura concima ogni 15 giorni. Il terriccio deve essere ricco di torba, sabbia e argilla espansa. In estate, bagnalo quasi tutti i giorni e nebulizza spesso l’acqua sulle foglie.

Come si moltiplica

  1. Per talea. In primavera, dalla pianta ‘madre’ taglia un ramo in 3 sezioni. Per due giorni tieni le talee avvolte nella carta assorbente, affinché la ferita cicatrizzi perfettamente.
  2.  In una vaschetta forata sul fondo metti la terra e le porzioni di foglie. Vaporizza spesso e tienila in piena luce, ma non al sole diretto.
  3. Dopo circa un mese, quando avrà radicato, rinvasa ogni talea in un vaso in coccio con foro sul fondo.

 

Dove si compra: cactusmania.it - pungilandia.com - cactusgarden.it

Guarda anche
Consigli e soluzioni

Perché si chiamano piante grasse?

Testi

Silvia Magnano

Foto

Disegni: Silvia Magnano

Ti potrebbe interessare