Donna moderna
Cabina armadio

Gli armadi del futuro sanificano abiti, scarpe & Co.

Il coronavirus ha contribuito a cambiare anche il nostro modo di riporre vestiti e accessori: scopriamo insieme le novità che possono semplificarci la vita anche dopo l’emergenza.

La regina Maria Antonietta aveva un’intera squadra di servitori addetti esclusivamente al suo guardaroba... noi oggi possiamo contare su armadi tecnologici che risolvono problemi piccoli (come il fastidioso ‘odore di armadio’) e grandi, come la paura di portarsi in casa germi e batteri.

Ma come funzionano questi maggiordomi hi-tech? Utilizzano materiali antibatterici, gas e vapori sanificanti, raggi UV per la fotocatalisi. E le differenze tra questi sistemi si riflettono anche sui prezzi. Ci sono le recentissime idee di 3 start-up italiane, e i prodotti di alcune aziende con armadi elettrodomestici che non solo sanificano (eliminando anche gli odori, causati dai batteri), ma rinfrescano gli abiti sgualciti evitando di doverli lavare, stirano i pantaloni e asciugano i capi bagnati dalla pioggia: i loro consumi saranno ammortizzati dall’uso ridotto della lavatrice e dal risparmio sui capi che si rovineranno meno in fretta? Teniamoli d’occhio...

Piccolo e pratico

Sanifica piccoli oggetti, dalle confezioni della spesa ai cellulari (ma anche le mascherine): funziona a ozono e si acquista online [Booox].

Comodità portatile

PuraCase sembra una semplice custodia a zip da appendere nell’armadio, ma è in grado di sanificare 4 capi per volta con una tecnologia a ozono: il ciclo dura circa un’ora dopodiché l’ozono ‘diventa’ ossigeno e si può aprire la cerniera [pura-case.com]. La startup ha deciso di lanciare una campagna di crowdfunding su Kickstarter, per passare alla fase di produzione. 

Alta versatilità

La linea GOLD élite viene realizzata con un materiale brevettato che garantisce protezione antibatterica, anti-corrosione, anti-fungina e anallergica. L’effetto battericida di questo materiale avviene per contatto, quindi è stato integrato nelle superfici interne e sugli appendiabiti (può essere installato anche in mobili già esistenti, trasformandoli così in armadi antibatterici). La collocazione ideale è all’ingresso, per riporre gli abiti e le scarpe che sono stati usati all’esterno e ritrovarli sanificati (e senza odori!) il mattino dopo [zeprojects.it].

Silenzioso

Air Cleaning System sanifica attraverso una reazione fotocatalitica che produce perossido di idrogeno in grado di distruggere batteri, virus e muffe da abiti, calzature e accessori. Vengono eliminati anche il ristagno d’aria e i cattivi odori tipici dell’armadio chiuso [Lema].

Super slim

LG Styler igienizza grazie al vapore e, in aggiunta, deumidifica, rinfresca, stira e asciuga fino a 4 capi alla volta. Il ciclo più breve dura 20 minuti. All’interno dello sportello ha un apposito vano che stira i pantaloni [LG].

Maggiordomo hi-tech

Refresh Butler cura delicatamente i capi e gli accessori (come scarpe o cappelli), rinfrescandoli con il vapore, toglie le sgualciture dovute all’uso, elimina gli odori, li asciuga con la pompa di calore e li igienizza tramite fotocatalisi (con biossido di titanio e raggi UV). Può stare freestanding oppure essere integrato in un guardaroba o nella cabina armadio. Da un brevetto svizzero di V-ZUG [Frigo2000].

Personalizzabile

Praesidium è un baule sanificante che utilizza un sistema a ozono per eliminare germi e allergeni da abiti e accessori. Fa parte di un sistema con finiture e misure customizzabili, tutto made in Italy [Ludovica Mascheroni].

Guarda anche
Mettere in ordine

Igiene: come pulire davvero

Ti potrebbe interessare