Donna moderna
Mettere in ordine

Trucchi per non stirare

Se stirare non fa per te, ecco una serie di piccoli accorgimenti per renderti la vita più facile

Soprattutto d’estate stirare diventa un’attività davvero faticosa, perché il caldo del ferro si somma alla temperatura e all’umidità esterna: alcuni risolvono questo problema alzandosi presto al mattino o aspettando le ore più fresche della sera, ma il nostro consiglio è comunque quello di ridurre al minimo i panni da stirare.

C’è chi ne ha fatta una vera e propria abitudine - o una sfida - riuscendo ad abbandonare del tutto (o quasi) il ferro da stiro!

Certo, se per lavoro si utilizzano spesso abiti eleganti e camicie formali, allora non avrai scampo: ma sicuramente troverai in questo articolo anche qualche trucco che ti faciliterà il lavoro.

Prima di tutto, durante il lavaggio, prova a ridurre la centrifuga: in questo modo i capi usciranno meno spiegazzati. Se la tua lavatrice permette di selezionarne la velocità, prova con 600 giri al minuto: alcune macchine hanno una funzione apposita che serve proprio a rendere più facile lo stiraggio. Leggi le istruzioni della tua per verificare.

Stendi subito, non appena la lavatrice ha finito il ciclo, perché restando dentro la macchina i capi si stropicciano.

E stendi bene, investendo un po’ di tempo in più del solito: appendi sulle grucce le magliette, gli abiti leggeri e le camicie, chiudendo anche il primo bottone, così da tenere bene in forma il colletto e stirando con le mani le cuciture, i taschini, eccetera, in modo che il tessuto sia piatto. Dovrai ancora stirare le camicie (a meno che non siamo di qualche cotone speciale no-stiro), ma l’operazione sarà molto più facile e veloce.

Evita di fare la stessa cosa con maglioni o tessuti troppo pesanti, perché rischiano di prendere la forma della gruccia, a causa del peso dell’acqua.

Per quanto riguarda i capi da stendere con le mollette, come i pantaloni, stira il tessuto con le mani, tira bene le cuciture (ma senza deformarle), sistema le tasche e posiziona le mollette in modo che non stringano troppo (per evitare antiestetiche segni).

Ricordati inoltre di non stendere in pieno sole d’estate, perché l’asciugatura troppo veloce fa seccare il tessuto, che sarà quindi più difficile da stirare.

Meglio un’asciugatura più lenta, all’ombra e con il vento caldo.

Se la giornata è umida, ancora meglio: per questo motivo, nel caso dovessi stendere in casa, puoi prediligere il bagno, che è un ambiente naturalmente caldo e umido (anche grazie all'eventuale vapore della doccia, che ritarda l’asciugatura ma è in grado di stendere le pieghe).

Allo stesso modo, in inverno, puoi vaporizzare un po’ di acqua tiepida sugli abiti e stenderli vicino al termosifone, così che si formi il vapore acqueo sufficiente a stirare il tessuto.

Il consiglio in più
Chi viaggia molto per lavoro ha il problema di avere sempre le camicie e gli abiti ben stirati. Naturalmente è essenziale preparare la valigia con cura, piegare bene tutto e non posizionare oggetti più pesanti (come il beauty case) sopra i vestiti. Lo stesso vale anche nel caso di un’occasione speciale, magari di una trasferta in occasione di un matrimonio fuori città: in tutti questi casi si può portare con sé la piastra per i capelli e utilizzarla come un ferro da stiro da viaggio, avendo naturalmente cura di verificare che sia perfettamente pulita (senza residui di prodotti per lo styling dei capelli) e quale sia la temperatura massima che il nostro tessuto più sopportare.

Testi

Paola Tartaglino, www.wemakeapair.com

Foto

Photoroyalty - Freepik.com

Ti potrebbe interessare