Donna moderna
Zona studio

Misure: ergonomia per l’angolo studio

Che siano per usare il computer, per leggere o scrivere, passiamo parecchio tempo seduti alla scrivania: ecco le regole per evitare posture scorrette che possono rovinare occhi e schiena!

La seduta

Sceglila con pistone, per regolarne l’altezza facilmente (sedile tra 35 e 45 cm). Lo schienale deve essere sagomato in modo da seguire la naturale curva della schiena e va posizionato perfettamente in verticale. Se serve puoi aggiungere un cuscino lombare.

  • Il monitor: il bordo superiore va leggermente sotto o in linea con l’altezza degli occhi, tenendo la testa dritta ma rilassata (se serve usa un rialzo). Tra gli estremi dello schermo e gli occhi deve esserci un angolo di 20/30°.
  • Il corpo: avambracci e cosce devono essere paralleli al pavimento. Spalle dritte ma non rigide, in linea con i gomiti.
  • Piedi bene a terra: se serve si può ricorrere a un poggiapiedi.

La scrivania

Sullo scrittoio metti il monitor del computer in posizione centrale e in modo che stia a circa 45/70 cm dagli occhi di chi è seduto. Allo stesso modo centra tastiera e sedia. La luce va a sinistra e un bloc notes o quaderno sulla destra (se sei mancino inverti la loro posizione).

  • La larghezza della scrivania: per una persona è di cm 80 per due di cm 150.
  • La lampada: deve avere 2 bracci e diffusore orientabile per poter avere la corretta illuminazione sempre. Non si devono creare riflessi sullo schermo (niente luce da dietro chi è seduto).
  • Pause relax: per evitare di incorrere in posture scorrette è bene fare una pausa di 5 minuti ogni 25.
Testi

Elena Favetti