Donna moderna
News

In Chianti a festeggiare la fioritura delle peonie

Sara Malaguti

Sara Malaguti  •  Flowerista

Blogger CF Style

Non solo vino e cibo, ma anche manifestazioni botaniche alla scoperta dei fiori di maggio. Il Chianti è tutto questo. E a Castel Ruggero, il 5 maggio, va in scena la regina delle fioriture di questo mese: la peonia.

Castel Ruggero si trova sulle colline del Chianti Classico, fra Siena e Firenze. Il castello è stato costruito nell’anno 1000 come fortezza a salvaguardia di un'antica strada romana, poi nel corso dei secoli è stato trasformato in convento e successivamente in villa.

Gli attuali proprietari hanno sempre cercato di mantenere vive le tradizioni tipiche della Toscana, come la coltivazione della vigna, degli ulivi, ma anche quella dell’orto e del giardino all’italiana. Quest’ultimo, in particolare, è nato da una profonda passione per le peonie.

Pascale, una dei proprietari, piantò la prima peonia nel 2006 in un terreno incolto intorno alla villa. Ora, a distanza di 13 anni, il giardino si espande su un ettaro e mezzo. Due pergole centrali sono il cuore del giardino da cui si ramificano sentieri che creano tutt’intorno nove diverse aiuole.
Come facevano i romani, anche qui viene effettuata la pratica della rotazione delle aiuole, pertanto nessuna famiglia (Leguminose, Brassicacee, Solanacee..) viene mai coltivata nello stesso luogo.

Ma ciò che dà una spiccata identità al giardino è la perfetta armonizzazione tra ortaggi e fiori, oltre alla varietà: sono un centinaio, ad esempio, le varietà di peonie tra arbustive ed erbacee e cinquecento le varietà di pomodori.  E poi ancora Buddleje, Anemoni, Salvie, Leucanthe, Cosmos, Euphorbie, Amaranti e Zinnie, accanto al mais doppio Rosso e alla pianta del cotone, le melanzane rosse N'Goyo dall'Africa e così via.

Nel 2018 i proprietari hanno deciso di aprire le porte del loro giardino in occasione della fioritura delle peonie, per condividere con amici e appassionati questo momento magico.

 

Dalle vecchie varietà coltivate dalle nostre nonne agli ibridi moderni, provenienti da tutto il modo, le peonie erbacee rimangono, per la loro coltivazione e rusticità, un valore sicuro per i nostri giardini.
La Festa della Peonia permette di avvicinarsi alle numerose varietà di peonie che vengono coltivate, ma anche di godere della cornice, grazie a una serie di attività collaterali che verranno organizzate.
Il giardino di Castel Ruggero sarà aperto gratuitamente domenica 5 maggio 2019 dalle 10.00 alle 19.00.

Info: giardinodicastelruggero.com

Testi

Sara Malaguti

Foto

Sara Malaguti

Ti potrebbe interessare