Donna moderna
Bosch

AutoClean di Bosch: l’asciugatrice che non ti aspetti

Serena Scuderi

Serena Scuderi  •  Cappello a bombetta

Blogger CF Style

Consuma poca energia, non devi pulire a mano i filtri dopo ogni utilizzo, la gestisci da smartphone e ti aiuta a stirare velocemente: scopri i segreti della gamma AutoClean di Bosch!

È decisamente noioso pulire i filtri dell’asciugatrice, ma è fondamentale per evitare che l’elettrodomestico consumi molta più elettricità: è fantastico pensare che con Bosch non si avrà più questa preoccupazione e questa odiosa incombenza... ma come funziona esattamente? Dove finisce la lanugine? Ho letto che le asciugatrici Autoclean ‘parlano’ via Wi-Fi con le lavatrici così da regolare correttamente il programma di asciugatura: sarà possibile in futuro comandare anche l’asciugatrice da remoto, magari con una app dallo smartphone? Così si potrebbe farla partire prima di uscire e tornare a casa trovando i capi già pronti da sistemare nell’armadio. Comodo, no?

Cara Serena, da oggi non dovrai più preoccuparti di rimuovere manualmente la lanugine dopo ogni ciclo di asciugatura perché ci penseranno le asciugatrici AutoClean di Bosch... senza sprecare energia, rispettando l’ambiente e prendendosi cura di te, facendoti risparmiare tempo e fatica. Sei pronta a goderti un po’ più di comfort e relax?

Si pulisce da sola, azzerando sprechi e fatica

Lo sapevi che per garantire una longeva e costante efficienza all’asciugatrice non basta pulire i filtri della lanugine? Questo perché bisogna rimuovere regolarmente anche quella parte di pelucchi che si depositano inevitabilmente sulla superficie del condensatore, l’elemento metallico che condensa l’umidità estratta dai tessuti.

Ma non preoccuparti, alla pulizia dei filtri e del condensatore oggi ci pensano in totale autonomia le nuove asciugatrici AutoClean, tra cui il modello da 9 kg Home Professional WTX87EH9IT. Come? Riutilizzando l’acqua di condensa che si forma durante il ciclo di asciugatura per eseguire in automatico la pulizia del filtro della lanugine e del condensatore più volte ad ogni ciclo.

Una tecno-pulizia che sfrutta così le risorse a disposizione e permette di raccogliere tutta la lanugine in un apposito contenitore che dovrai svuotare in media solo ogni 20 cicli di asciugatura (e ti avviserà l’asciugatrice quando farlo), riducendo così al minimo gli interventi manuali. Geniale e super-pratico, no? Soprattutto se pensi che la rimozione self-made della lanugine da un lato ti fa recuperare tempo, allevia la fatica e non ti dà più pensieri e dall’altro ti garantisce un’asciugatrice zero-waste dai risultati sempre impeccabili e con consumi minimi, capace di mantenere per tutto il suo ciclo di vita l’originaria classe di efficienza energetica.

Fa risparmiare, rispettando l'ambiente

Grazie a un’efficienza energetica fino alla classe A+++, queste asciugatrici  pompa di calore sono dotate di componenti a efficienza così alta da ridurre al minimo il consumo energetico per darti un risparmio immediato: pensa che, in media, tre cicli di asciugatura a pieno carico costano meno di un caffè al bar! E visto che il risparmio energetico va sempre di pari passo con il rispetto dell’ambiente, le asciugatrici AutoClean utilizzano gas propano R290 che, essendo ecologico e naturale, non arreca alcun danno all’ozono.

Smart & connessa, è gestibile da smartphone

Hai detto bene, le asciugatrici connesse AutoClean dialogano anche con le lavatrici top di gamma Bosch e sappi che la app che sogni… è già realtà: se scarichi Home Connect puoi avviare, gestire e controllare le principali funzioni dell’asciugatrice dal tuo smartphone! E come assaggio del futuro, potrai godere della funzione SmartDry, che imposta automaticamente il programma di asciugatura più adatto in funzione dei parametri dell’ultimo lavaggio, ricevuti via Wi-Fi dalla lavatrice Bosch connessa.

Elimina le pieghe, rendendo semplice stirare

A tua disposizione ci sono 3 programmi a vapore IronAssist, studiati proprio per eliminare le stropicciature dei tessuti e poter stirare in un attimo!

Testi

Serena Scuderi

Foto

illustrazione Andrea De Santis/Amaca Agency