Donna moderna
News

I segreti dei migliori crafter italiani: puntata 1

I consigli dei professionisti più quotati del momento, per te che sogni di lanciarti in un’attività creativa

Abbiamo intervistato 20 tra i crafter più promettenti del momento e la consulente più quotata sull’argomento, con questa domanda: 

Qual è il consiglio che daresti oggi al te stesso degli inizi?

 

Questa è la prima di quattro puntate, con le risposte di 5 crafter che condivideranno con te i loro preziosi consigli: perché all’inizio tutto sembra molto difficile (e forse lo è!), ma vedrai che le loro testimonianze ti saranno utilissime.

Sfoglia anche la gallery per scoprire i prodotti di questi talenti dell'handmade!

In questa puntata: Francesca Baldassarri, Paola Colombo, Giulia Tosi, Sara Bellinato, Novella Bessone e Tania Fedeli.

Francesca Baldassarri - consulente per crafter
«Negli ultimi tempi sto riflettendo molto sull'insicurezza, su quanto troppo spesso sia infondata e sia un freno per fare le cose che vogliamo fare. È successo a me all'inizio (e a volte mi succede ancora), lo vedo accadere a tante amiche e donne con cui lavoro. Quindi il mio consiglio alla me stessa che si incammina a diventare crafter e poi consulente per crafter, è di osare un po' di più, senza paura: mettere i prezzi un po' più alti di quanto non si senta a suo agio fare, realizzare al più presto quel prodotto che le ronza in testa da un po' perché finché non lo butta sul negozio non saprà se piacerà, proporsi a negozi e riviste senza temere i rifiuti. 
La cosa che mi rende triste è pensare alle cose che non ho fatto perché credevo di non esserne all'altezza, o al tempo sprecato a pensare e pensare, senza fare il passo fondamentale, ovvero AGIRE, proprio per aver paura di fallire».

Paola Colombo - Pollaz
«Il consiglio che mi sentirei di dare alla me di qualche tempo fa sarebbe, d'istinto: "lascia il lavoro prima, non aspettare 9 anni". Allo stesso tempo, però, nonostante con il senno di poi avrei effettivamente potuto lasciare prima il mio lavoro in ufficio, consiglierei di non essere troppo impulsivi. Gli anni passati a gestire entrambi i lavori mi sono serviti molto per crescere, a livello personale e nel mio lavoro e hanno rappresentato un processo di maturazione che, seppur lungo e faticoso, mi ha portato dove sono ora. Vedendo come vanno le cose ora quindi capita di chiedermi "ma perché non l'hai fatto prima?" ma se dovessi dare un consiglio a qualcun altro direi anche "non avere fretta, continua a lavorare duro e riconoscerai, senza fretta, il momento giusto per fare il grande passo"».

Giulia Tosi - Insunsit
«Quando è nato il mio progetto sentivo di dover soddisfare un qualche bisogno: quale fosse e come contentarlo erano cose assolutamente misteriose. Ho proceduto perciò a lungo per tentativi e sperimentazioni (che, se devo essere sincera, proseguono tutt’ora).
Se due anni fa avessi potuto essere stata una vocina, mi sarei detta “Canalizza le energie, sperimenta ma non smettere di ascoltarti”. Se potessi essere una vocina ora, me lo direi anche oggi».

Sara Bellinato - NODO
«Credi al 110% in quello che fai, lanciati in picchiata, senza paura, perché più ci credi e più funziona. Che i dubbi non siano mai sconfitte ma pietre miliari e non smettere mai, piuttosto cambia, rivedi, trasforma, allarga, espandi. E sii sempre grata, ché la gratitudine è gioia».

Novella Bessone e Tania Fedeli - Nivule Pescirossi
«Io e Tania lavoriamo insieme da circa un anno e mezzo ed è stata una svolta importante, unire menti e mani ci ha permesso di prendere decisioni con maggiore sicurezza. L'aspetto su cui consiglieremmo la “me stessa dell'inizio” di concentrarsi è il razionalizzare le energie, definire il target di riferimento e il prodotto, perché sarà più facile lavorare sui vari aspetti e sulla comunicazione del brand».

enlightened Per approfondire non perderti l’ebook di Francesca Baldassarri: Vendere handmade. Una guida completa per trasformare la tua passione in professione, uscito qualche mese fa per Zandegù, oppure iscriviti a uno dei corsi di Colibrì Academy!


 
Testi

Paola Tartaglino - wemakeapair.com

Ti potrebbe interessare