Donna moderna
News

Fuorisalone 2017: Social Label

Dall’Olanda a Milano: il laboratorio sociale che vuole cambiare le vite dei disabili mentali

Social Label significa “etichetta sociale”: un progetto olandese che vuole portare in giro per l’Europa, anche partecipando al fuorisalone, il suo messaggio di inclusività.

L’iniziativa coinvolge designer che progettano gli oggetti e alcune comunità di disabili mentali nella produzione di essi, così da creare nuove opportunità creative e lavorative.

A Milano sono state presentate dal vivo, attraverso alcuni workshop, due linee di prodotti: KOM è un servizio di piatti, composto da elementi che raccontano ciascuno una storia, creati con il graphic designer Edwin Vollebergh (Studio Boot); LICHT è invece una collezione di luci progettate da Kiki van Eijk. Altri prodotti, come una linea di scope di design e vasi di varie forme, erano in mostra nello spazio in zona Isola.

Tutti i progetti sono certamente dimostrazione dell’abilità artigianale delle persone coinvolte, ma anche, e soprattutto, rappresentano il loro orgoglio e la loro soddisfazione nell’aver eseguito un vero e proprio lavoro. 
Social Label è anche la dimostrazione di come sia possibile lavorare insieme e creare prodotti apprezzati sul mercato, così da diventare una vera fonte di reddito per le imprese sociali che prendono parte a questo ambizioso progetto.
Testi

Paola Tartaglino - wemakeapair.com

Ti potrebbe interessare