Donna moderna
Giardinaggio

Il basilico cresce… in fondo al mare!

Si chiamano Orti di Nemo e sono serre in fondo al mare dove crescono basilico e lattuga
 

Dopo i trend degli orti urbani e dei roof garden, ecco una nuova tendenza made in Italy: far crescere gli ortaggi all’interno di bolle sul fondo marino.
Queste particolari ‘serre marine’, battezzate Orti di Nemo, sono state ideate da Sergio e Luca Gamberini, padre e figlio (della Ocean Reef). Amanti del mare ed esperti sub, si sono lanciati in un’impresa unica: coltivare lattuga e basilico in biosfere, ancorate in fondo al mare e non parliamo di mari tropicali... ma del Mar Ligure, a cento metri dalla costa di Noli. 


COME FUNZIONANO
La parte d'acqua di mare penetrata dentro le bolle, poco alla volta evapora. Le gocce che si condensano all’interno sono potabili e quando ricadono sulle piantine poste più in basso, le alimentano.
Le biosfere sono ancorate a circa 8 metri sotto il livello del mare. In questo modo i raggi del sole possono raggiungere gli ‘orti’ con facilità.
In pratica si sfrutta la tecnica idroponica: temperature costanti ed elevata umidità.
Per saperne di più, guarda il video:
https://www.youtube.com/watch?v=Pxlh05bgfm4
 
PERCHÉ FARLE?
È un esperimento che affronta il problema della scarsità alimentare, in particolare per le zone del Pianeta aride, come alcune parti dell’Asia. 
I vantaggi di questa tecnica di coltivazione sono innegabili: il ciclo clorofilliano mantiene livelli accettabili di ossigeno e Co2 e non ci sono pericoli di aggressione da parte di parassiti o insetti come nelle culture terrestri. 

IL SAPORE CAMBIA?
Le foglioline di basilico e lattuga, coltivate in mare hanno dimostrato, dopo un test, una qualità organolettica pari o addirittura superiore alle piante provenienti da coltivazioni tradizionali. Si apre così una nuova frontiera in campo agricolo-sottomarino per la Liguria, che guadagna il primato a livello internazionale in questo tipo di coltura, ancora in via sperimentale.


http://www.oceanreefgroup.com




 
Testi

Silvia Magnano

Ti potrebbe interessare