Donna moderna
Mettere in ordine

Come organizzare lo spazio sotto il letto contenitore

I nostri consigli per sfruttare al meglio lo spazio che offrono i letti contenitori

Comprare un letto con contenitore è sicuramente una buona idea per ottimizzare lo spazio sotto al letto, ma è bene scegliere fra i diversi modelli disponibili in commercio.

Come scegliere il letto con contenitore

Esistono letti con meccanismo che solleva il materasso inclinato a 45° rispetto al pavimento e quelli che invece lo sollevano parallelamente al pavimento.

Entrambe sono ottime soluzioni, diciamo che il primo potrebbe rivelarsi più comodo per chi è più alto e quindi magari ha più difficoltà a piegarsi in uno spazio angusto, il secondo invece è più pratico quando si deve rifare il letto, visto che consente di non piegare troppo la schiena.

Per chi si chiede come pulire il pavimento sotto il letto contenitore segnalo il sistema Folding box di Noctis che permette di ripiegare il fondo del contenitore, così da avere facile accesso.

Ecco qui sotto i miei consigli per utilizzare lo spazio nel modo migliore, ovvero sfruttando ogni singolo centimetro cubo a disposizione.
Hai un letto normale? Scopri le 5 idee utili per organizzare lo spazio anche senza letto contenitore.

Che cosa non mettere sotto il letto

Una cosa che assolutamente a mio avviso non va riposta sotto al letto sono le scarpe. Anche se collocate nelle scatole o in contenitori adatti all’uso le scarpe sono comunque oggetti che proprio per il loro utilizzo vanno a contato con luoghi esterni e quindi sporcizia. Anche se sono sicura che prima di riporli per la stagione successiva gli darai una bella pulita diciamo che l’associazione scarpa/letto per una questione igienica mi convince poco. Secondo me per le scarpe è meglio trovare una sistemazione alternativa.

Per lo stesso motivo non mi piace neppure immaginarlo come ripostiglio per la valigia. La valigia è per definizione un oggetto a contatto con tutto il mondo esterno e quindi sporca. Non conviene neppure usare quelle rotte o quelle vecchie a mo’ di contenitore perché sono poco pratiche da aprire e chiudere… semplicemente perché quella non è la loro funzione.

Che cosa mettere sotto il letto

Il contenitore sotto al letto è perfetto per riporre ad esempio le lenzuola di ricambio e le coperte. Ma anche il piumino o eventuali cuscini aggiuntivi.
Se ti piace cambiare spesso aspetto al tuo letto, sicuramente avrai molte lenzuola e corredi: qualche volta trovare quello “giusto” potrebbe richiedere un po’ di tempo. In questo caso prima di tutto ti suggerisco di organizzarti con un contenitore dedicato alle lenzuola estive e uno alle lenzuola invernali, per intenderci quelle più pesanti o i copripiumini.

Se pieghi la biancheria da letto in modo che possa essere riposta in verticale (una parure accanto all’altra e non una sopra all’altra) avrai tutto sott’occhio! Sarà quindi più facile avere una visione complessiva di tutto e selezionare il lenzuolo desiderato con più facilità.

C’è ancora spazio? Scegli un contenitore dedicato alle ‘spugne’, ovvero ai coprimaterasso e copricuscini (sempre utilissimi per preservare il materasso da possibili macchie e non punzecchiarsi con le piume del cuscino).

Il consiglio in più: tieni più vicino al bordo del letto le lenzuola della stagione in corso, in questo modo saranno sempre a portata di mano e non andrai ad ingombrare inutilmente parte dell’armadio o della cassettiera.

Sempre con questa logica, quindi, puoi tenere anche le lenzuola per gli ospiti e i cuscini di scorta sotto al letto, magari anche loro in un contenitore dedicato, e in questo caso posizionarli al centro del letto: saranno facilmente accessibili in caso di bisogno, ma non saranno d’ingombro in mezzo ai tessili che invece ti servono ogni settimana.

Se poi sei così fortunata da avere un bagno attiguo alla stanza, il contenitore del letto è perfetto anche per gli asciugamani e la biancheria da bagno.


Perché usare i sacchetti sottovuoto

Il problema delle lenzuola, ma soprattutto delle coperte e dei piumini, è che sono un bel po’ voluminosi, quindi un’ottima soluzione potrebbe essere quella di aiutarsi con sacchetti sottovuoto, per intenderci quelli a cui si toglie l’aria con l’aspirapolvere.

Il bello dei sacchetti sottovuoto è che sono disponibili in diverse misure per adattarsi perfettamente ad ogni volume, permettono di risparmiare tantissimo spazio e aiutano a conservare al meglio quanto riposto al loro interno. Inoltre questi sacchetti hanno il vantaggio che si possono usare più volte e all’occorrenza si dimostrano perfetti anche in valigia.

Se sei preoccupata che si sciupi il contenuto puoi stare tranquilla, l’importante è stirare e piegare bene le lenzuola prima di riporle al loro interno. Nessun problema anche per cuscini e coperte, a patto di sbatterli bene dopo averli estratti dal sacchetto sottovuoto.

Il cambio dell'armadio… va sotto al letto!

Altra idea perfetta è quella di sfruttare il contenitore sotto al letto per riporre tutto ciò che appartiene alla stagione fuori corso. Anche in questo caso la regola è aiutarsi con contenitori e sacchetti sottovuoto laddove ce ne sia bisogno.

Cerca di mantenere sempre una suddivisione di massima e non mischiare troppo gli oggetti così cercarli sarà più facile e veloce. Per esempio raggruppa i costumi e gli abiti che usi solo in spiaggia, metti i teli mare tutti insieme e a parte quei vestiti leggeri che usi in primavera ed estate.

Come pulire e conservare bene le cose sotto il letto

Contrariamente a quello che si può immaginare, il contenitore sotto al letto è un posto dove si accumulano polvere, capelli, pelle e (se come me permetti ai tuoi amici animali di dormire sotto le coperte) anche peli. Quindi qualsiasi cosa vada messa sotto il letto va prima messa in un contenitore apposito.

Per la scelta del contenitore ti suggerisco di prediligere quelli dotati di apertura superiore (magari con la cerniera) oppure scatole che consentono di essere aperte per metà, perché più pratiche delle tradizionali scatole con coperchio.

Prima dell’acquisto verifica bene anche l’altezza a tua disposizione e prendi bene le misure e se vuoi ricreare un minimo di “effetto wow” (perché lasciarlo solo all’armadio?) preferisci contenitori della stessa serie.

Sei hai paura dell’umidità, previenila e inserisci nel contenitore delle bustine in gel di silice che sono un ottimo deumidificatore e contribuiscono a eliminare ogni tipo di cattivo odore grazie alle loro proprietà assorbenti.

In aggiunta, sempre allo scopo di ottenere una perfetta profumazione, non scordare di inserire un profumatore della tua fragranza preferita, puoi acquistare quelli che si trovano in commercio o realizzarli da te.

Io, ad esempio, amo il profumo della lavanda: ogni anno acquisto una confezione di fiori essiccati e la suddivido in piccoli sacchetti di tulle, tipo quelli che si usano per riporre i bijoux. Profumo garantito per tutto l’anno!
Se preferisci puoi scegliere i chiodi di garofano che hanno proprietà antisettiche e quindi tengono lontano le tarme. Per profumare la biancheria di spugna, invece, è meglio usare dei sacchetti di cotone da riempire con sapone di Marsiglia bianco. In ogni caso io preferisco che non ci sia diretto contatto con i tessuti per evitare qualunque tipo di macchia.

E per finire ricorda sempre di apporre un’etichetta che faccia capire al volo che cosa contengono le scatole, oppure sceglile di colori diversi per ogni membro della famiglia, un trucco che aiuterà tutti nella ricerca.

Testi

Elena Dossi – Professional Organizer – www.rinchiudetely.it

Ti potrebbe interessare