Donna moderna
Idee e tendenze

3 idee da copiare per riempire mensole e librerie

Hai una libreria o semplicemente una mensola da ‘riempire’ con garbo e stile? Le stylist di Studiopepe ti svelano come si fa!

BIANCO&NERO
Come insegna Coco Chanel, il bianco&nero è un classico dell’eleganza. E non ti stanca mai! Qui, sulla base nera della libreria String e sul bianco della parete, ci siamo sbizzarriti con giochi optical, righe e anche oggetti tutti bianchi e tutti neri accostati. Per rendere l’insieme meno monotono, può essere divertente dipingere dei semplici decori neri su oggetti bianchi, o viceversa.

L’idea in più: decora con la tua iniziale una mug bianca ‘a mano libera’ (cerca l’ispirazione su dafont.com, dove trovi tante calligrafie diverse). Puoi usare colori per ceramica o creare una mascherina stencil con l’iniziale o il decoro preferito e poi... vai di smalto nero opaco spray! O ancora: prendi una cornice bianca o nera (come Ribba di Ikea) e inserisci una grafica, una carta da parati, un disegno… rigorosamente in b/n!

 

PALETTE DI COLORI 
Un’idea di forte impatto estetico è quella di raggruppare gli oggetti secondo una palette cromatica. È ovviamente possibile, anzi consigliato, modulare la palette in varie sfumature dello stesso colore. Per esempio, qui abbiamo scelto una famiglia di colori più che un colore singolo: rossi, rosa e arancio. Un mix ‘vitaminico’ che mette buonumore!

L’idea in più: oltre a raggruppare gli oggetti che avrai scelto secondo una precisa scala-colore, puoi anche provare a tingere qualcosa che hai
già in casa e che magari ha bisogno di quel twist che gli manca. Una vecchia statuina ‘nonna style’, ad esempio,  o una bottiglia di vetro. Basta usare uno smalto spray - tenuto a debita distanza dall’oggetto per evitare antiestetiche gocce - quindi lasciar asciugare per bene all’aperto… e il gioco è fatto!

 

VINTAGE
L’ispirazione di questa installazione è senza dubbio la passione per i mercatini e per il vintage. Oggetti semplici, quotidiani, accostati a pezzi eclettici, che non hanno una precisa funzione, ma sono accomunati dal fatto di essere in materiali ‘onesti’, come il legno, il vetro, il metallo invecchiato e di avere una ‘patina’. Basta dedicare qualche sabato mattina alla ricerca tra le bancarelle: sono oggetti che si trovano facilmente perché spesso chi cerca il pezzo d’epoca o ‘di valore’ li snobba... Vecchie bocce, invece, fregi dei mobili, bottiglie e decanter in vetro, barattoli da farmacia, cornici vuote e piccoli specchi sono ‘veri tesori’ per uno styling che potrà riscaldare anche un mobile ultramoderno.

L’idea in più: qualche fiore sistemato qua e là per un ‘tocco vitale’ e che cambia con le stagioni. 


COSÌ NASCE UNA LIBRERIA CULT
Qui vedi, come supporto ideale alla creatività, la libreria String, realizzata in acciaio verniciato a polvere. Noi l’abbiamo scelta in nero, ma è disponibile in tanti colori e finiture [String Furniture, cm 80x30x200h €300]. La String è la chiara dimostrazione di come il ‘buon design’ sappia superare tempi e mode. È così moderna e attuale che quasi non si crede che la sua nascita risalga addirittura al 1949, quando il designer e architetto svedese Nils Strinning la progettò assieme alla moglie Kajsa per partecipare a un concorso dell’editore svedese Bonnier. E 10 anni fa è nato anche il modello Pocket [da cm 60x15x50h €139 su  » finnishdesignshop.it]. Il sistema di scaffali modulari String ti offre mensole, spalle, ripiani, pannelli ed elementi contenitori e si adatta a ogni spazio e funzione. Non ci credi? 



Stylist

Studiopepe

Ti potrebbe interessare