Donna moderna
Cucina

Mensole o pensili in cucina: i fattori da valutare prima di scegliere

C’è chi ama i pensili e chi li odia. Ogni volta che lanciamo il tema su facebook, la discussione si accende. Non è solo questione di pro e contro pratici: è una vera filosofia! Tu da che parte stai?

Pensili o mensole? La scelta detta lo stile di tutta la cucina.
Qui abbiamo elencato tutti i pro e contro da valutare prima di scegliere:

MENSOLE IN CUCINA

Pro

  • Arredare una parete con vani a giorno in genere è una soluzione più economica.
  • Con le mensole tutto è a portata di mano, senza dover aprire e chiudere le antine (operazione che spesso significa sporcarle...).
  • Le mensole si possono adattare anche a piccole nicchie per sfruttare lo spazio al centimetro.

Fattori da valutare

  • Sono indicate per ambienti piccoli o cucine a vista sul soggiorno, perché permettono di esporre oggetti e libri creando continuità con il living.
  • Possono essere decorative, se si sa come ‘allestirle’, ma rischiano anche di creare un effetto disordine.

Svantaggi

  • Tendono a impolverarsi per cui ogni alimento che ospitano deve essere chiuso in un contenitore.

«Ho scelto le mensole: un po’ faticose da pulire, ma mi permettono di esporre le mie collezioni di tè, riso colorato e spezie in vasetti vintage... Vederli mi rende felice» Silvia Saviola, via Facebook

PENSILI IN CUCINA

Pro

  • Permettono di disegnare una cucina dallo stile personale, giocando sulle varie finiture delle ante.
  • Nascondono tutto alla vista e quindi sono pratici, per chi è poco ordinato o cucina sempre di corsa.
  • Consentono di sfruttare la parte interna dell’anta installando barre a cui appendere mestoli o coperchi.

Fattori di valutare

  • Se hanno l’anta a battente è meglio verificare l’ingombro quando è aperta in modo che non intralci i movimenti e non sia un ostacolo visivo.
  • I pensili sono profondi 35 cm e in varie altezze (da 36 a 96 cm) per scegliere in base alle necessità: più sono alti, più aumenta il costo. Nel caso di cucine a vista in spazi piccoli, si può optare per pensili della stessa tipologia del mobile del soggiorno, che hanno anche una profondità minore (25-30 cm).

«Nella mia cucina ideale i pensili si alternano alle mensole per dare movimento» Maria Luisa Marasca, via Facebook

Testi

Simona Bruscagin

Ti potrebbe interessare