Donna moderna
Arredare

9 piani di lavoro al top per la tua cucina

Naturali o sintetici, i materiali per i piani di lavoro garantiscono alte prestazioni. Pulirli è facile: bastano un panno morbido con acqua e un detergente neutro

I nuovi materiali con cui sono realizzati i top delle cucine sono super tecnologici per garantirti alte prestazioni e facilità di manutenzione. Ecco i nostri preferiti:

  • NEOLITH®: è una pietra che non rilascia sostanze nocive, composta da ossidi e minerali naturali, ottenuta per sinterizzazione. È resistentissima a graffi ed
    abrasioni, alle alte temperature, raggi UV e all’acqua. Esiste anche
    in lastre maxi-formato da cm 120x360 e in spessori ridotti da mm 3 [TheSize].

  • PIETRA LAVICA: è un materiale naturale di origine vulcanica, vetrificato in superficie con una sottilissima polvere di vetro riciclato (che nella collezione Tessuti crea decori 3D), così da renderlo ancora più durevole, antiusura e resistente agli sbalzi termici [NeroSicilia].

  • LAMINAM®: è una lastra sottile (da mm 12) in materiale ceramico ad alte prestazioni, che riproduce la texture di altri materiali. È igienico, antibatterico e resiste a macchie, calore, graffi e abrasioni [Laminam].

  • LAPITEC®: è una pietra sinterizzata (temperatura di cottura oltre i 1200°C) innovativa, a ‘tutta massa’, realizzata in grandi lastre. È totalmente priva di porosità, non assorbe, non si macchia, è resistente all’insediamento di batteri e muffe, a urti e abrasioni [Lapitec].

  • DEKTON®: è un materiale ultra-compatto, formato da una miscela
    di materie prime utilizzate nella produzione di vetro, materiali ceramici e quarzo di altissima qualità. Resiste a macchie, raggi UV, abrasioni e anche alle temperature estreme. Lo spessore parte da mm 8, le lastre sono da cm 144x320 [Cosentino].

  • QUARTZ surface: come dice il nome, è a base di quarzo (uno dei materiali più duri al mondo) del quale vanta tutte le proprietà: impermeabile, resistente alle macchie (caffè, vino, olio di oliva, succo di limone, trucco…), agli acidi e agli urti, garantisce massima igiene [Franke].

  • OKITE®: miscela a base di quarzo fino al 93% con resina poliestere e pigmenti naturali: il risultato è un materiale solido (5 volte più forte del marmo e del granito) dalla superficie non porosa, per questo igienica e sicura. Resiste a graffi, calore, tagli e macchie difficili, anche di sostanze acide. In lastre da cm 140x306, spessore da 1,3 a 3 cm [Okite].

  • SOLID SURFACE: una miscela di minerali naturali e resine acriliche, duttile e personalizzabile perché si plasma per termoformatura. Omogenea e non porosa, assicura massima igiene e ottima protezione antibatterica, resiste alle macchie
    e all’usura [Franke].

  • HI-MACS®: tecnologica pietra acrilica, resiste al calore, allo sporco, ai batteri, ai virus e a molti agenti chimici. È idrorepellente e antigraffio, se viene danneggiata profondamente può essere riparata da professionisti qualificati [LG Hausys Europe].

Testi

Elena Favetti

Ti potrebbe interessare