Donna moderna
Arredare

5 cose che non possono mancare in una casa in stile neo-shabby

Lo stile shabby chic cambia look con influenze dallo stile nordico e industriale. Scopri i 5 elementi fondamentali per ricrearlo a casa

Lo stile neo-shabby è una nuova versione del tradizionale shabby chic, rinfrescato da influenze nordiche e contaminazioni industriali. Abbiamo chiesto alla nostra blogger CFstyle Sarah Tognetti di shabbychicinteriors.it di raccontarci i 5 elementi che proprio non possono mancare per ricreare questo nuovo stile:

5 cose che non possono mancare in una casa neo-shabby

  1. Tocchi vintage. Un vecchio mobile di famiglia o scovato in un mercatino dell’antiquariato. Sarà ‘il pezzo unico’, che scalda l’ambiente. In casa ho molti mobili vintage. Quello a cui sono più affezionata è una madia svedese originale degli Anni ’50, ricordo dei miei nonni materni.
  2. Le lampade di design. Chi lo dice che il design d’autore è irraggiungibile? Basta scegliere il pezzo giusto e... sarà per sempre! Un segreto? Tenere d’occhio i mercatini dell’usato.

  3. Le piante. Dallo stile jungalow alle foreste urbane, la natura entra in casa, diventando un elemento di arredo. Fino a qualche mese fa avrei detto che in una casa neo-shabby non può mancare una pilea. Oggi, direi un fico nano. L’importante è scegliere la varietà che meglio si adatta alle condizioni climatiche di ogni appartamento. Il fico nano è una pianta che non cresce troppo e che non ha bisogno di molte cure, solo di tanta luce solare. La soluzione perfetta per chi non ha il pollice verde.

  4. Le candele. Ormai tutti conoscono il significato della parola Hygge. È lo stile di vita danese che insegna a rallentare, a godere dei piccoli momenti quotidiani, e a nutrire l’anima. La candela è per eccellenza ‘la coccola’ che trasmette un senso
    di pace. La fiamma che sfavilla, il profumo che scatena i ricordi: accendere una candela diventa un rito. In casa mia non mancano mai!

  5. tessuti di lino. È strano pensare come un tessuto così antico come il lino (il suo uso risale infatti fino a 8.000 anni a.C.), possa essere ancora attuale.
    È una fibra naturale, molto resistente e dalle proprietà isolanti e termoregolatrici. In estate, è un classico vestire il letto con le lenzuola di lino. Io le uso anche
    in inverno. Il fascino di una trama di un tempo e la bellezza di cuscino di lino stropicciato, mi danno un senso di pace.
Guarda anche
Cameretta

Una cameretta in stile shabby

Guarda anche
Case dei lettori

Stile shabby per una casa molto ospitale

Testi

Elisabetta Viganò e Simona Ortolan

Foto

Sarah Tognetti - shabbychicinteriors.it

Ti potrebbe interessare